Portale di economia civile e Terzo Settore

“E Adesso”: un film per combattere le discriminazioni

12

Cos’è l’integrazione sociale? L’inclusione delle diverse identità in un unico contesto all’interno del quale non ci siano discriminazioni. Parole piene di buonsenso, ma che purtroppo non convincono ancora tantissime persone e che spesso fanno addirittura paura.

Per questo motivo è nato il progetto di Martin P. Ndong Eyebe dal nome “E Adesso?” un film lungometraggio che possiamo trovare anche sulla piattaforma di crowdfunding Ulule.

Questo film ha come protagonista Bamba, un giovane immigrato diplomato, con tante ambizioni che cerca di sopravvivere, facendo tutto quello che trova nell’attesa di una posizione stabile. La sua vita però, verrà stravolta da una vicenda di discriminazione che lo porterà a una reazione.

Questo film ha la voglia di far capire attraverso immagini e parole, che si può sempre trovare una soluzione positiva ad ogni cosa che può accadere, quindi cercare di dare un volto pulito all’integrazione.

Il film “E Adesso?” è a basso costo, infatti le riprese, verranno effettuate attraverso materiale già esistente. I fondi raccolta attraverso la campagna su Ulule serviranno per rimborsare le spese degli interpreti.

La fase produttiva con le riprese inizierà ad agosto. Essendo un film a basso budget, i tempi saranno molto elastici, ma entro dicembre sarà completato. Dopodiché verrà effettuato il montaggio e per febbraio 2019, il  film sarà presentato al Festival del cinema di Cannes.

Ogni sostenitore avrà diritto a un DVD del film; quelli che offriranno somme più importanti, figureranno nei titoli di coda come “grandi contributori” e saranno invitati alla presentazione del film come ospiti d’onore.

Martin P. Ndong Eyebe è nato in Camerun, dal 2004 collabora con “Volontarimini”, il più grande centro di volontario di Rimini, dove produce documentari e DVD istruttivi. Negli ultimi 3 anni si è occupato di immigrazione con due cortometraggi, e questo lungometraggio rappresenta per lui una sorta di bilancio dei suoi 23 anni in Italia.

“Quindici per cento”: il progetto fotografico che racconta la disabilità nel mondo
Cesvi: maltrattamento infantile, primo indice regionale in Italia

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...