Portale di economia civile e Terzo Settore

Poche donne esperte nei media: ecco dove trovarle

8

In tv – lo sappiamo bene – si parla di tutto: dalla politica alla scienza, passando per l’economia e la salute. I programmi televisivi, ma anche le radio e la carta stampa, si avvalgono spesso dei contributi di esperti che mettono a disposizione le proprie conoscenze e competenze per affrontare e a volte spiegare e semplificare concetti complessi. Ma quasi sempre, a dare il proprio punto di vista sono esperti in giacca e cravatta.

Stando ai risultati del Global Media Monitoring Project 2015 (GMMP), radio, stampa e TV italiane danno molta più visibilità agli uomini che alle donne (79% vs il 21%). In particolare, tra gli esperti, le fonti femminili sono soltanto il 18%, salite nel 2017 al 20%. E, è bene sottolinearlo subito, questo non avviene per carenza di donne esperte e preparate.

E’ proprio alla luce di tale fenomeno che nel 2016 è nato il progetto “centodonne contro gli stereotipi“, che oggi conta su una banca dati online (www.100esperte.it) con quasi 200 nominativi tra i quali selezionare le ospiti dei programmi o di panel ed eventi pubblici. Il progetto, presentato al Festival dell’Economia di Trento, è stato lanciato da Osservatorio di Pavia e associazione Gi.U.Li.A. (Giornaliste Unite Libere Autonome), in collaborazione con la Fondazione Bracco e con il supporto della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, e a giugno arriverà a più di 200 esperte, con 20 nuove schede.

Sul sito si possono consultare nomi e curriculum di esperte in chimica, fisica o economia, con le relative specializzazioni, selezionate in collaborazione con il Centro Genders dell’Università degli Studi di Milano, per le aree scientifiche, e dell’Università Bocconi, per l’area Economia e Finanza.

L’obiettivo, ha spiegato Giovanna Pezzuoli, autrice insieme a Luisella Seveso di due volumi ‘cento donne contro gli stereotipi’ nella scienza e nell’economia, è quello di promuovere la crescita delle voci femminili come opinion maker e di “togliere alibi a chi non crede nel valore delle donne” ma anche di rimediare alla “quasi totale assenza delle donne nel dialogo pubblico tra economia e politica”. Si tratta insomma, dice ancora Azzalini, di una “piattaforma online dove chiunque voglia interpellare una esperta può fare una ricerca e trovare un nome da contattare direttamente”. Basta indicare un nominativo o attivare una delle parole chiave, da ‘bosone di higgins’ a ‘cellule staminali’ o innovazione’ e ‘tecnologia’. Tra i nomi non solo alcune donne già riconosciute come autorevoli, da Lucrezia Reichlin a Magda Bianco, ma anche decine di studiose, ricercatrici, esperte anche molto giovani che consentono anche di promuovere “una campagna di sensibilizzazione per i media o chi organizza panel ed eventi pubblici, per suggerire nomi nuovi e offrire anche alle nuove generazioni dei role model”.

A detta dei promotori del progetto, una maggiore presenza femminile può svecchiare un linguaggio mediatico che, ignorando le esperte, trascura i segni del tempo e disconosce l’apporto delle donne in tutti i diversi ambiti della società, dalla politica all’economia.

Il Sud Sudan rischia di essere dimenticato
Le donne Akashinga contro il bracconaggio in Zimbabwe

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...