Portale di economia civile e Terzo Settore

Una ex lavanderia confiscata alle mafie diventa Bell Nett, spazio sociale

18

Bell Nett (in milanese “bello pulito”) è lo spazio confiscato alle mafie che la cooperativa sociale Comin inaugura domani in Largo Fratelli Cervi 1 (zona viale Monza) per offrire servizi sociali ai cittadini.

Si tratta di una ex lavanderia una volta gestita a scopi di usura e il presidente Comin Emanuele Bana spiega soddisfatto: «Useremo quei locali per iniziative, incontri e servizi che favoriranno la solidarietà tra le famiglie. In particolare sarà luogo di ritrovo per gruppi di auto mutuo aiuto, di cui favoriremo la nascita, e sarà uno sportello per i genitori che hanno bisogno di un consulto. Terremo inoltre incontri sulla cultura della legalità».

Fondamentale per Bell Nett sarà la connessione con lo sportello We-Mi Venini del Comune di Milano, gestito sempre da Comin, attraverso il quale si potranno intercettare le necessità e i desideri dei cittadini del quartiere.

L’ex lavanderia è stata confiscata nel 2009 e faceva parte di diversi immobili sia a Milano sia in altre parti d’Italia in possesso di usurai, quindi era di fatto un bottino di attività illecita.

Il desiderio quindi della cooperativa Comin è che ora lo spazio torni ad essere a disposizione di tutti e soprattutto che diventi punto di riferimento e di ritrovo socio culturale per le famiglie della zona ma non solo; in fondo se è vero, come è vero, che Milano è grande, essendo concentrica è anche piuttosto piccola e facile da attraversare e le circonvallazioni la uniscono in modo egregio.

All’inaugurazione dell’ex lavanderia, che si terrà  domani 22 maggio dalle 18,30 alle 20,30, interverranno David Gentili, presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano, Francesca Ambrosoli (figlia di Giorgio) e Gianluca Buttolo, autore della graphic novel “La scelta. Giorgio Ambrosoli”.

Seguiranno aperitivo e intrattenimento musicale.

L’acqua potabile è ottima ma gli italiani la preferiscono in bottiglia
In Nigeria sono le donne a puntare sulle energie rinnovabili

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...