Portale di economia civile e Terzo Settore

“Adozione Trasparente”: un nuovo portale per le adozioni in corso

8

Dal 15 maggio è online un nuovo portale dal nome “Adozione Trasparente” per consentire a genitori in attesa di adozione di monitorare in tempi reali la loro procedura di adozione internazionale.

Va da sé che il portale ha come obiettivo quello della trasparenza della Pubblica Amministrazione e in poche ore ha registrato 24 accessi.

Gli aspiranti genitori adottivi sono coloro che hanno già conferito l’incarico ad un Ente autorizzato ma non hanno ancora concluso le procedure di adozione internazionale con l’ingresso del minore in Italia e possono quindi, grazie ad Adozione Trasparente, seguire in modo immediato e semplice i passaggi delle loro pratiche adottive.

Non solo: la CAI Commissione Adozioni Internazionali – ha stabilito che sono 24 i momenti della procedura da seguire in modo rigido e vanno dalla verifica del decreto di idoneità, ai tempi di trasmissione della documentazione sino alla relazione da redigere post adozione.

Tutte queste procedure hanno la peculiarità di essere trasparenti sul portale durante i momenti amministrativi collegati all’adozione e in particolare proprio la CAI è agevolata nel compito di vigilare sugli enti autorizzati.

Il vicepresidente della CAI, Laura Laera, spiega che negli ultimi anni si è decisamente evoluto il rapporto del cittadino con la Pubblica Amministrazione, inserendo il principio di trasparenza e di amministrazione digitale e quindi la responsabilità diretta degli amministratori pubblici. Prosegue, inoltre, affermando: «In questa prospettiva il portale web “Adozione Trasparente” risulta uno strumento capace di rendere disponibile la procedura amministrativa relativa alle adozioni internazionali alle famiglie interessate e solo ad esse. Il portale web si integrerà con il sistema già in uso presso la Commissione, che permette in tempo reale, ai soli Enti autorizzati, l’interscambio di dati riguardanti la procedura adottiva».

Inoltre si rileva che per l’accesso al portale è necessario ottenere l’utenza SPID, attualmente rilasciata tramite il sito ufficiale dell’Agenzia per l’Italia Digitale; uno strumento innovativo che permette un livello di sicurezza molto alto per chi lo utilizza.

Humanitas: in Olanda la convivenza felice tra anziani e studenti
Unicef: stop agli attacchi di guerra sui bambini

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...