Starbucks

Pubblicato il 20 aprile 2018

Starbucks Usa: il 29 maggio negozi chiusi per corso di formazione antirazzista

Una presa di posizione molto netta contro ogni tipo di discriminazione quella di Starbucks negli Usa: il giorno 29 maggio i suoi oltre 8.000 locali dislocati in tutti gli Stati Uniti resteranno chiusi per tutto il pomeriggio. Questo per permettere ai circa 175.000 dipendenti di partecipare a un corso di formazione antirazzista.

Il colosso americano ha deciso questa strategia per calmare una bufera scatenata sui social network, ma anche dal vivo, con proteste vivaci a seguito di un deprecabile episodio avvenuto in un locale Starbucks di Philadelphia. Infatti, a seguito della chiamata del direttore del locale, è intervenuta la polizia, arrestando senza alcun motivo due ragazzi afro-americani. I due arrestati sono stati rilasciati dopo ben nove ore, senza che peraltro venisse formulato alcun capo di accusa.

Ecco quindi la decisione del numero uno dell’azienda di Seattle, Kevin Johnson che, dopo aver presentato pubblicamente le sue scuse per un episodio che egli stesso ha definito “riprovevole”, è passato ai fatti condannando qualsiasi episodio discriminatorio o razzista da parte dei propri dipendenti e quindi ha predisposto un corso di formazione a cui tutti dovranno partecipare.

Va anche segnalato che il manager di Starbucks a Philadelphia che ha chiamato la polizia è stato allontanato dal suo incarico e la stessa società, in opposizione all’ormai ex dipendente che si difendeva asserendo che i due arrestati avevano usato il bagno ma non volevano consumare, ha replicato in modo deciso (fonte Repubblica): «I nostri negozi sono nati per essere delle comunità, dove si entra anche solo per accedere alla rete wifi e così lavorare al computer o scambiarsi messaggi sulle chat, senza essere per forza costretti a consumare. È da sempre lo spirito con cui abbiamo concepito la nostra attività».

Sorge spontaneo un dubbio: una pezza messa per placare gli animi o vera convinzione? Sia come sia, agire con i fatti è sempre una dimostrazione di buona volontà.

È nata a Torino RepAir, la maglietta “mangia smog”
Cpi-Eng di Trieste, l’azienda che incoraggia le mamme

Tags: , , , , , , , ,

Milena Pennese

Estroversa, creativa, curiosa e passionale, credo nei progetti e nella passione che alimentano il gusto delle nuove sfide. Amo leggere, viaggiare, passeggiare in montagna e ascoltare buona musica. La mia più grande passione è la scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...