RepAir

Pubblicato il 20 aprile 2018

È nata a Torino RepAir, la maglietta “mangia smog”

Le città della Pianura Padana, in particolare Milano e Torino, sono tristemente famose a causa dello smog e dell’inquinamento atmosferico. Non è quindi un caso che proprio a Torino una piccola casa di moda, il cui nome è Kloters, abbia inventato RepAir, una maglietta “mangia smog”.

La  peculiarità di questa t-shirt è quella di avere un piccolo inserto in un materiale speciale, un tessuto che si chiama “The Breath” (in italiano “Il respiro”).

Afferma uno dei fondatori di Kloters  Marco Lo Greco (gli altri fondatori sono Silvio Perucca e Federico Suria): «Volevamo creare un prodotto non solo bello, ma in grado di agire sull’ambiente in modo attivo». La svolta si è verificata quando l’azienda torinese ha incontrato “The Breath”, che rispondeva completamente alle esigeconnze richieste. Infatti, come è stato certificato anche dai test dell’Università politecnica delle Marche, il tessuto è in grado di catturare e disgregare alcune molecole tipiche dell’inquinamento atmosferico come i composti organici volatili e gli ossidi di azoto. È costituito da due strati esterni che sono in grado di contrastare muffe, batteri e cattivi odori e di uno strato in mezzo, trattato a livello nano molecolare, capace di assorbire e disgregare le microparticelle inquinanti.

Fino a questo momento, The Breath aveva trovato il suo impiego per cartelloni pubblicitari o per oggetti di arredo, ma ora è entrato nel mondo della moda grazie alla startup torinese che ne ha inserito un piccolo rettangolo nella sua nuova maglietta RepAir.

Questa è molto semplice, unisex e sarà prodotta solo in due colori, bianco e nero. Non a caso Silvio Perucca, creativo di Kloters, indica: «La prova più complessa è stata riuscire a realizzare un prodotto valido esteticamente, in grado di competere nel complesso mondo della moda, e che riuscisse a integrare una tecnologia innovativa senza incidere su eleganza, vestibilità e comfort del capo».

A maggio la t-shirt RepAir sarà in vendita in anteprima sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter e nel mese successivo arriverà nei negozi. Un modo nuovo di vestire che coniuga comfort, eleganza e rispetto per l’ambiente.

Green Alley Award 2018, il concorso per le startup di economia circolare
Starbucks Usa: il 29 maggio negozi chiusi per corso di formazione antirazzista

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Milena Pennese

Estroversa, creativa, curiosa e passionale, credo nei progetti e nella passione che alimentano il gusto delle nuove sfide. Amo leggere, viaggiare, passeggiare in montagna e ascoltare buona musica. La mia più grande passione è la scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...