green alley award

Pubblicato il 20 aprile 2018

Green Alley Award 2018, il concorso per le startup di economia circolare

Ritorna per la sua quinta edizione il Green Alley Award, concorso europeo per le startup che si occupano di economia circolare. È nato nel 2014 per volontà di Landbell Group, proprio per incentivare e valorizzare lo sviluppo di nuovi prodotti da parte delle giovani startup, oppure per progetti che siano già in fase di crescita, si occupino di riciclo e trattamento dei rifiuti e vogliano espandersi nell’ambito del mercato europeo. Uno degli obiettivi del Green Alley Award è quello di riunire e far conoscere i pionieri dell’economia circolare e, se possibile, farli collaborare, tanto è vero che i finalisti avranno l’opportunità di scambiarsi idee con esperti durante i workshop finali.

Partner italiana del Green Alley Award è Erp Italia – European Recycling Platform -, tra i primi sistemi collettivi non profit nel nostro Paese soprattutto nella raccolta di rifiuti di apparecchiature elettriche (RAEE), di pile e accumulatori (RPA).

Pertanto founder e startup hanno la possibilità di partecipare inviando online la richiesta di partecipazione entro il 1° luglio 2018, tramite questo sito web.

Tra tutti gli iscritti verranno selezionati sei finalisti che saranno invitati a Berlino (la comunicazione avverrà a inizio settembre) il 18 ottobre, per lavorare sul proprio modello di business proposto con diversi esperti di Landbell Group e altri esterni.

Il vincitore, che riceverà un premio in denaro di 25.000 euro, verrà proclamato a Berlino durante la finale, nel corso della quale dovrà presentare il proprio progetto.

Va da sé che, in un’economia circolare, i prodotti, le loro risorse e il loro valore devono rimanere all’interno del ciclo economico il più a lungo possibile e, nel contempo, generare pochissimi rifiuti, mentre nell’attuale economia lineare non tutti i prodotti vengono riutilizzati al termine del loro ciclo di vita, con un forte spreco di risorse e materiali preziosi.

Spiega con entusiasmo Umberto Raiteri, CEO di ERP: «Siamo molto orgogliosi di poter fornire il nostro contributo alla formazione di una cultura europea del riciclo, diffusa e condivisa con comunità locali, enti, associazioni. Essere parte integrante di un’importante piattaforma europea ci consente non solo di trasferire ai produttori i benefici di un’esperienza e di know-how ampiamente validati in sede internazionale, ma anche di contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini e delle istituzioni verso temi di ampio interesse come la tutela ambientale e l’importanza dell’economia circolare».

Amici CUCCIOLOTTI raddoppia collaborando con l'Università di Siena
È nata a Torino RepAir, la maglietta “mangia smog”

Tags: , , , , , , , , ,

Patrizia Abello

Sono nata a Milano da genitori piemontesi. Mi sento però a tutti gli effetti milanese perché amo profondamente la mia città. Ho svolto nel corso degli anni praticamente tutti i lavori inerenti ad aziende di commercio alimentare. Sono poi passata a interessarmi di economia e finanza ma le mie passioni rimangono quelle umanistiche, in particolare la Storia. Mi piace molto scrivere, attività che ho sempre svolto con molta passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...