Portale di economia civile e Terzo Settore

Earth Hour: un’ora al buio in difesa della Terra

40

Spegnere la luce è un gesto semplice e quotidiano ma che può assumere valenza simbolica se a essere spente sono all’unisono milioni di lampadine. Con l’obiettivo di porre all’attenzione dei potenti le pesanti ripercussioni provocate dal cambiamento climatico sul nostro Pianeta, sabato 24 marzo torna, dalle 20.30 alle 21.30 di ciascun Paese del Mondo, Earth Hour – Ora della Terra: la più grande mobilitazione globale organizzata dal Wwf in difesa del Pianeta.

Per sessanta minuti case, edifici e monumenti di tutto il mondo saranno avvolti dal buio e, in Italia, non faranno eccezione neppure il Colosseo e la Basilica di San Pietro. Lo scorso anno l’iniziativa ha ottenuto un successo straordinario coinvolgendo circa 7.000 città di oltre 184 Paesi del mondo; centinaia di milioni di persone hanno utilizzato l’hashtag #EarthHour e si è arrivati all’impressionante cifra di 3 miliardi di azioni social sul tema.

Reduci dal successo del 2017, quest’anno, in occasione dell’undicesimo compleanno di Earth Hour, la parola d’ordine scelta dal Wwf sarà Connect2Earth. Lo slogan ha come scopo ribadire il legame esistente tra il benessere dell’uomo e l’equilibrio planetario; a questo proposito è nata anche la piattaforma connect2earth.org: progettata dal Segretariato della Convenzione sulla Diversità Biologica delle Nazioni Unite al fine di approfondire temi come la salute degli oceani, le economie sostenibili e, più in generale, tutte le azioni finalizzate a migliorare la difficile situazione climatica del nostro Pianeta.

Il progetto è sostenuto anche dal Ministero dell’Ambiente della Germania e l’International Climate Initiative. «Stiamo spingendo il pianeta e i suoi sistemi naturali ai limiti delle loro possibilità – rileva Donatella Bianchi presidente del Wwf Italia – e Earth Hour è l’occasione per usare il nostro potere, sia come individui che come collettività, mettendo in moto azioni concrete per cercare di salvare il sistema Terra».

 

Adozioni: scende il numero di bambini accolti in famiglia
Tutto pronto per la nuova edizione di “Fa’ la cosa giusta!”

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...