Portale di economia civile e Terzo Settore

Allarme giocattoli pericolosi. Ecco il decalogo su come scegliere un balocco sicuro

17

Amanti del vintage attenzione: se potete, e in questo caso ne vale assolutamente la pena, vi consigliamo di fuggire dalla tentazione di acquistare per i vostri figli i giocattoli di quando eravate bambini. Già, perché l’adorabile aeroplanino rosso presente in tutte le foto di quando avevate quattro anni potrebbe contenere concentrazioni elevate di sostanze tossiche – le più comuni sono antimonio, bario, bromo, cadmio, cromo, piombo e perfino selenio – che non supererebbero gli attuali standard di sicurezza stabiliti dalla direttiva del Consiglio europeo in materia di giocattoli.

Affinché i più piccoli giochino senza correre alcun rischio, i parametri di affidabilità per i balocchi sono stati cambiati più volte negli anni; l’ultimo aggiornamento è stato recentemente pubblicato su Environmental Science and Technology. Ciononostante diverse inchieste denunciano ogni anno nuove insidie che minacciano l’incolumità dei bambini; il rischio più frequente è quello di inalare o ingerire sostanze tossiche, ma non mancano episodi di ferite causate dalla rottura del giocattolo o, ancora, manifestazioni allergiche in seguito al contatto.

Per evitare di avvelenare o procurare qualsiasi danno a chi più amiamo, ecco un breve decalogo su come scegliere un giocattolo sicuro:

  1. Ogni giocattolo deve essere contrassegnato dal marchio CE che ne garantisce la conformità alle norme europee. Il marchio CE è obbligatorio in tutta Europa ed indica che l’articolo è in regola con la normativa vigente.
  2. Sono proibiti i giocattoli alimentati direttamente con presa elettrica. Per la maggiore sicurezza del bambino è necessario, pertanto, scegliere quelli a batteria. Nel caso di giocattoli elettrici (trenini, ferri da stiro, forni etc.) devono poter funzionare solo tramite trasformatore esterno con dispositivo salvavita a bassa tensione (massimo 24 Volt). Oltre al marchio CE, deve essere apposto quello IMQ dell’Istituto del Marchio di Qualità.
  3. Rispettare la fascia di età indicata sulla confezione.
  4. In caso di giocattoli di stoffa o di peluche, oltre al marchio CE, si consiglia di controllare che i materiali siano di alta qualità (peli che non si staccano, occhi e naso fissati in modo anti-strappo, cuciture solide, nastri corti ed imbottitura che non si sbriciola) e che non siano infiammabili.
  5. Verificare che le dimensioni di tutti i giocattoli e/o delle parti staccabili siano tali da non poter essere inalati o ingeriti. Se di plastica, verificare che sia in ABS perché indice che il prodotto non è infiammabile.
  6. Per i giocattoli meccanici, verificare che gli ingranaggi siano ben protetti e non accessibili al bambino.
  7. Evitare i giocattoli con bordi o punte taglienti. Nel caso il materiale costruttivo fosse metallico, verificare che i bordi siano “arrotondati” e che non ci sia ruggine.
  8. Le armi-giocattolo, per i più grandi, devono utilizzare solo proiettili forniti dalla ditta produttrice.
  9. Tende e casette in tela non devono avere chiusure automatiche (per esempio cerniere lampo o pulsanti a pressione). Inoltre i sistemi di sostegno devono essere di plastica, leggeri e facili da montare.
  10. Verificare che la confezione sia completata da istruzioni in lingua italiana sulle modalità di montaggio e di utilizzo. Da sola, questa caratteristica garantisce il giocattolo come “sicuro”.
"Hold": l'app che premia per chi utilizza meno lo smartphone
È partito un nuovo Corridoio Umanitario dalla Siria

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...