Portale di economia civile e Terzo Settore

Chiellini aderisce a “Common Goal” e rinuncia a parte dello stipendio per far beneficenza

23

Ad agosto si era proposto e dallo scorso settembre è entrato a far parte della squadra del Common Goal: stiamo parlando di Giorgio Chiellini, difensore della Nazionale e futuro capitano della Juve, e dell’iniziativa alla quale ha voluto aderire.

Lo sportivo bianconero è il primo calciatore italiano al fianco di “Common Goal”: il progetto che prevede di aiutare le organizzazioni benefiche legate al mondo del pallone attraverso le donazioni di sportivi pronti a rinunciare a parte del proprio stipendio, almeno 1%, per aiutare gli altri.

L’iniziativa è stata lanciata quest’estate ricevendo subito l’adesione di importanti stelle del calcio come il centrocampista del Manchester United Juan Mata, Mats Hummels, difensore del Bayern Monaco, e Megan Rapinoe e Alex Morgan, due campionesse della nazionale femminile statunitense. Appena ha saputo di “Common Goal”, Chiellini si è proposto all’associazione via mail: “Ciao. Sono Giorgio Chiellini, giocatore della Juventus. Sono interessato a supportare l’iniziativa e mi piacerebbe congratularmi con Juan Mata per aver dato il suo appoggio attraverso il calcio alle persone meno fortunate di noi. Non sono interessato a farmi pubblicità, voglio solo supportare questo brillante progetto”. I membri dell’associazione inizialmente pensavano si trattasse di uno scherzo ma, una volta capito che era tutto vero, hanno accolto con entusiasmo Chiellini nel loro team.

Già in passato il difensore della Juventus si era mostrato sensibile a iniziative di solidarietà sostenendo alcune importanti fondazioni benefiche italiane ma la novità di “Common Goal”, come suggerisce efficacemente il nome, è che unisce il contributo di diversi sportivi in modo da segnare un goal decisivo per chi ne ha più bisogno. «Individualmente le nostre donazioni non riuscirebbero a cambiare il mondo. Ma insieme possiamo davvero fare la differenza» afferma Chiellini.

Complimenti dunque all’iniziativa e a chi vi ha preso parte perché dimostra di aver compreso a pieno una delle regole più importanti dello sport: da soli non si va da nessuna parte, per vincere c’è bisogno del contributo dell’intera squadra.

Golf4autism: il progetto che avvicina i bambini autistici al mondo del golf
L'instancabile lavoro dei volontari dell'AFMAL nelle Filippine

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...