Portale di economia civile e Terzo Settore

Animali: le famiglie italiane non possono non averne uno

7

Il 33% delle famiglie italiane ha almeno un animale in casa e, metà delle volte, l’amico peloso proviene da strutture di ricovero o, più semplicemente, è stato trovato e tolto dalla strada.

Qualche dato perché i numeri, si sa, fanno sempre grande presa: sono 60 milioni gli animali nelle case degli italiani ma sarete probabilmente stupiti nel sapere che la metà di essi non sono né gatti e né cani. Eh già! In Italia sono i pesci a fare la parte da leone: ne abbiamo ben 30 milioni. Seguono i cani e i gatti, che assieme arrivano a 14 milioni, gli uccelli, 13 milioni, e i conigli e le tartarughe a quota 3 milioni.

Gli “ex randagi”, vuoi per immensa gratitudine e riconoscenza nei confronti di chi, di fatto, gli ha dato una nuova vita, si rivelano i compagni migliori di gioco e di coccole: è stato dimostrato, infatti, che i cani e i gatti sottratti a un destino crudele sono quelli più ubbidienti e inclini a ricoprire il loro padrone di continue attenzioni.

La scelta di adottare un animale senza razza e pedigree, l’albero genealogico che certifica la purezza di sangue del nostro amico a quattro zampe, dimostra la crescente sensibilità dei cittadini italiani nei confronti del mondo animale. Da anni, specie nel periodo estivo, si moltiplicano le campagne d’informazione che stigmatizzano l’abbandono e il maltrattamento degli animali e, grazie anche alle tantissime iniziative che educano al rispetto e all’amore di cuccioli e meno cuccioli, si registra finalmente un calo del numero di animali abbandonati e maltrattati.

Rimane ovviamente tantissimo da fare, basti pensare al fenomeno del randagismo, ma i segnali che arrivano sono positivi. Adottare un amico a quattro zampe è poi un atto di grande generosità che non manca di avere importanti implicazioni economiche: una famiglia con un solo animale spende in media dai 30 ai 100 euro in più al mese e, stando agli ultimi dati della Coldiretti, il business legato al pet sarebbe in crescita esponenziale tanto che, negli ultimi 5 anni, i servizi veterinari sono aumentati del 89% mentre le “beauty farm” e gli “asili” per micio e fido sono in crescita del 44%. E’ un dato questo che, se consideriamo la situazione generale dei consumi e il difficile periodo economico da cui il Paese sta tentando di uscire, la dice lunga sulle priorità degli italiani.

Si risparmia dunque ma non di certo per quel che riguarda il benessere del nostro amatissimo animale che, secondo l’indagine GfK Eurisko, porta all’interno delle famiglie gioia, serenità, allegria, divertimento, tranquillità e sicurezza. Ma non è tutto: avere un gatto o un cane migliora la qualità della vita perché stimola l’attività fisica e la propensione a socializzare con il prossimo.

Tanti benefici e, alla luce di tutto, viene da chiedersi chi abbia davvero adottato chi.

Legge svizzera impone il divieto di bollire viva l'aragosta
L'intelligenza artificiale che legge il pensiero

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...