Intelligenza artificiale

Pubblicato il 22 gennaio 2018

L’intelligenza artificiale che legge il pensiero

E’ stato sviluppato in Giappone un sistema artificiale capace di ricreare le immagini generate dalle onde cerebrali umane.

Lo studio è partito addestrando l’intelligenza artificiale a riconoscere, memorizzare e associare alcune immagini “base”, come un gatto o un albero, ai rispettivi segnali neuronali prodotti dal cervello dei volontari che le guardavano e le ricordavano. In un secondo momento, l’intelligenza artificiale è stata in grado di ricreare autonomamente alcuni simboli mostrati precedentemente ai volontari sino a replicare, dal pensiero delle persone sottoposte all’esperimento, le lettere dell’alfabeto.

Tale tecnologia, guidata da una equipe dell’Università di Kyoto, dimostra come sia possibile creare un apparecchio capace di decifrare l’attività celebrale umana. La strada percorsa fino a questo momento era basata su un sistema di corrispondenze: un computer poteva “indovinare” il pensiero umano attraverso gli input generati da una serie di esempi noti.

Da tempo gli scienziati lavoravano, attraverso il continuo perfezionamento di algoritmi, affinché fosse realizzato un macchinario in grado di leggere nella mente. Ora la meta sembra a un passo dall’essere raggiunta. Per il momento le immagini ricreate dall’intelligenza artificiale nipponica sono, seppure sufficientemente aderenti a quelle originali, piuttosto sbiadite ma, dalla parte degli studiosi, c’è tutto il tempo per migliorare il sistema.

Inevitabile sarà considerare le molteplici ricadute in campo etico che una simile invenzione comporta; sul fronte medico uno dei possibili vantaggi della tecnologia potrebbe riguardare l’opportunità di ampliare le possibilità comunicative per chi è affetto da disabilità.

Sta di fatto che, alla luce di quanto inventato, romanzi come “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury e “1984” di George Orwell appaiono sempre meno fantascientifici.

 

 

Animali: le famiglie italiane non possono non averne uno
Il Bosco Verticale nasce in Olanda come social housing

Tags: , , , , , , , ,

Milena D'Aquila

Giovane, almeno per ora, riccia e con tante idee per la testa. Amo i gatti, specialmente il mio gattone nero Rocco, le castagne e la burratina di Andria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...