Portale di economia civile e Terzo Settore

Il mondo contagiato dallo Short Story Dispenser

89

Leggere fa bene alla mente perché mantiene allenata la memoria, amplia gli orizzonti, mette di buon umore e, cosa che più conta in un periodo di dilagante ignoranza, ci rende più colti. Sarà forse per questo che il Ces, la fiera dell’hi-tech più grande e famosa del mondo, ha deciso di collocare all’interno di luoghi quali stazioni, aeroporti e ospedali, dei distributori di storie brevi.

Lo Short Story Dispenser, questo il nome del “dispensatore di storie”, è stato pensato per ingannare l’attesa: invece di avere eternamente in mano lo smartphone o il tablet si potrà passare del tempo arricchendo la mente. Il dispenser è una colonna da cui esce, sotto forma di scontrino, una storia lunga, in base al tempo di cui si dispone, uno, tre o, al massimo, cinque minuti.

I racconti e le poesie, perché sì anche il verso trova la sua cittadinanza in questa poetica iniziativa, sono scelte e curate dal sito Short Edition e vanno dai classici della letteratura, Shakespeare e la Wolf in testa, sino agli scrittori contemporanei. Il prezzo per lo scontrino con la storia? Nessuno: è tutto gratis ed è giusto così perché la cultura, essendo un valore inestimabile, non ha prezzo.

Il primo distributore è stato installato all’aeroporto francese Charles De Gaulle. Al momento è presente in 150 località soprattutto francesi mentre una ventina sono negli Stati Uniti. In USA è stato il regista Francis Ford Coppola a investire nell’idea collocando un dispenser nel suo Cafe Zoetrope di San Francisco. Anche noi, in Italia, non vediamo l’ora di avere i nostri Short Story Dispenser, nell’attesa possiamo comunque usare il “vecchio metodo”: portare sempre con noi qualche buon caro libro che, provare per credere, male non fa.

Il cambiamento del Terzo settore: l'IID promuove 10 incontri
L'Oms avverte: la dipendenza da videogiochi è una malattia

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...