clonazione-umana

Pubblicato il 12 gennaio 2018

L’Europa dice no alla clonazione umana

12 gennaio 1998 – Sono ben 19 le nazioni che sono concordi nel vietare la clonazione umana che consiste nella duplicazione del patrimonio genetico di una singola cellula o di un intero organismo e quindi di un individuo. Una decisione etica, presa per proteggere e tutelare l’unicità dell’individuo e di conseguenza la sua irripetibilità.

Tuttavia il dibattito è ancora piuttosto acceso, specie quando si parla di clonazione di organi “a scopo terapeutico” che potrebbe fornire cellule geneticamente identiche ma non malate.

Attualmente qualsiasi tipo di clonazione che riguardi l’essere umano è vietata, inclusa quella con finalità riproduttive, negli Stati Uniti e nell’Unione Europea ed è stata respinta da tutti gli organismi internazionali (Consiglio d’Europa, Parlamento Europeo, Oms, Unesco).

 

Papa Eugenio IV condanna la schiavitù
Felicità Pubblica ricorda Fabrizio De André

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...