Arte e sisma

Pubblicato il 9 gennaio 2018

L’arte non muore mai: la nuova vita dei beni artistici colpiti dal sisma

Tornano a vivere, grazie a un progetto Codacons altamente tecnologico, le opere d’arte di Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria intaccate dai recenti eventi sismici che hanno colpito il centro Italia.

L’8 gennaio scorso è stata presentata a Roma, presso lo stadio di Domiziano, una mostra itinerante che, attraverso l’ausilio delle foto autostereoscopiche, ha portato in formato reale le opere d’arte intaccate dai numerosi terremoti del Centro Italia. Il progetto, approvato dal MiBACT, è pensato proprio per mostrare quanto di buono è stato realizzato e, soprattutto, per mettere in luce quanto ancora c’è da fare. Affinché il Paese non dimentichi le popolazioni e i territori colpiti dalla sciagura, è fondamentale tener sempre alta l’attenzione sulle tematiche post-sisma. La mostra ultra-tecnologica si muove anche in questo senso: un museo virtuale in 3D che, ponendo al centro del suo interesse la valorizzazione del patrimonio culturale ferito dal terremoto, promuove i territori del cratere.

I recenti eventi sismici, infatti, hanno intaccato pesantemente molti beni d’interesse storico-artistico minando, di conseguenza, l’identità culturale delle zone colpite dalla calamità naturale. Sebbene molto sia stato fatto – si parla di oltre 30 mila beni immobili recuperati – rimane ancora lunga la strada da percorrere per salvare quanto lesionato.

Nel corso della conferenza stampa dell’8 gennaio, è stata presentata anche la prima opera salvata: il Crocifisso del XIV secolo proveniente dalla Chiesa di Santa Maria del popolo a Preta, frazione di Amatrice (RI). Grande l’entusiasmo espresso dalle istituzioni e dalla cittadinanza presente. Permane dunque una grande fiducia nell’attività di restauro che, siamo certi, col tempo saprà restituire a tutte le meraviglie artistiche danneggiate dal sisma il loro antico splendore.

Avorio: la Cina dice stop al commercio
Islanda: un passo in più verso l’assoluta pari opportunità di genere

Tags: , , , , , , , , ,

Milena D'Aquila

Giovane, almeno per ora, riccia e con tante idee per la testa. Amo i gatti, specialmente il mio gattone nero Rocco, le castagne e la burratina di Andria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...