Portale di economia civile e Terzo Settore

Lanterna di luce: il libro che risponde ai propri desideri

18

La scrittura può rappresentare una via di fuga dai problemi reali, ma anche un modo per affrontarli, superarli e ricominciare la propria vita con più energia. La stessa energia che dalle pagine del libro un autore può trasmettere anche ai lettori.

Ed è proprio quanto ha fatto Francesca Patton, scrittrice, giornalista e docente di italiano e storia che, dopo un’esperienza drammatica, ha affidato alle pagine di un libro la sua voglia di ritrovare la serenità e, soprattutto, di donarla agli altri.

Il suo ultimo lavoro (lei ha già scritto libri fantasy, raccolte di poesie e saggi) si chiama “Lanterna di luce” ed è approdato in queste settimane sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso con la speranza di ottenere i fondi necessari per la sua pubblicazione.

Per comprendere meglio da dove scaturisce l’idea di Lanterna di luce bisogna fare un passo indietro e tornare a quel drammatico 2014 quando la Patton, incinta di due gemelli, ha avuto delle complicazioni e ha dato alla luce i suoi piccoli Leonardo Domenico e Massimiliano Domenico prematuri. Dopo appena un mese di vita i due neonati però non ce l’hanno fatta, gettandola la madre comprensibilmente nello sconforto più profondo.

Per metabolizzare il lutto, la scrittrice si è affidata a carta e penna dando vita a un libro fantascientifico/sentimentale, in parte autobiografico, ma con un risvolto straordinariamente positivo. Questo è frutto dei corsi di scrittura creativa e di scrittura terapia che la Patton ha iniziato a tenere utilizzando varie tecniche di scrittura capaci di creare nel lettore sensazioni di benessere.

«Nei corsi di scrittura creativa mi capita spesso di incontrare persone che hanno perso la propria capacità di sognare», spiega l’autrice, «che si lasciano trascinare e travolgere dagli eventi, così propongo loro delle attività che stimolino la loro fantasia e i risultati sono straordinari: si ritorna alla realtà appagati e con il doppio delle energie. Questo perché nel profondo sono emersi i propri desideri e si è trovata lì la forza per raggiungerli».

Ed è sempre Francesca Patton che spiega come è nata l’idea di dar vita a questo libro. «Il progetto “Lanterna di luce” nasce dall’osservazione che noi esseri umani siamo sempre più presi da problemi e pensieri, fatichiamo a rilassarci, a trovare un momento per noi e continuiamo ad agire in maniera quasi frenetica e impellente», evidenzia. «Ci ritroviamo, così, la sera stanchi ad accedere un televisore o a guardare un video su WhatsApp per poi andare a letto senza esserci, nemmeno per un secondo, ascoltati, visti, sentiti e ci ritroviamo daccapo a svolgere la medesima giornata, sempre più snervante e snervati. Così mi sono detta perché non creare un libro capace di far emergere i desideri più intimi e profondi di ciascun lettore? Un libro capace di fare da specchio e condurre in un mondo altro, straordinario dove poter trovare energie e forza per affrontare con maggiore tenacia e grinta la propria realtà? In una frase, un libro che possa rispondere ai propri desideri».

La storia inizia su una nave, qui una giovane donna racconta la propria scoperta scientifica a una sconosciuta e la storia procede con un alternarsi di piccoli colpi di scena che nel corso della narrazione rivelano il legame fra le due protagoniste. In scena appaiono poi due gemelli, una lampada e un Regno altro fatto di luce e pura magia.

Per le parti ambientate nel Regno l’autrice è partita dallo studio scientifico del colore e della luce con le opere scientifiche e filosofiche di Isaac Newton, Johann Wolfgang von Goethe e Arthur Schopenhauer. Per ribadire l’importanza delle immagini, al libro andranno aggiunte dieci illustrazioni in acquarello e colori a olio studiate con lo stesso obiettivo della narrazione, frutto della creatività dell’illustratrice Elisa Algarotti che nello stile si rifà all’amatissimo “Il piccolo principe” di Saint-Exupéry, ma con più colore.

«Il mio obiettivo», conclude Patton lanciano un appello a quanti vorranno partecipare alla raccolta fondi su Produzioni dal Basso, «è quello di vedere il libro completato, illustrato, tradotto in varie lingue e diffuso a livello internazionale. “Lanterna di luce” è un romanzo che vuole portare un messaggio di pace, amore e speranza nel cuore dei lettori. Non è un libro ordinario, è un libro che dona energia, forza e consente di trovare ogni giorno l’equilibrio giusto per affrontare le proprie sfide e avversità. È un progetto in cui crediamo tantissimo e spero davvero vogliate e possiate darci una mano a realizzare questo sogno».

Infine un’ultima nota: vale la pena dare un’occhiata alle originali ricompense previste nella campagna di crowdfunding che vanno dal libro in formato ebook o cartaceo a corsi di scrittura creativa, dalla possibilità di  diventare un personaggio all’interno della narrazione fino a un tour sui luoghi di Lanterna di luce, solo per citarne alcune.

Il Manifesto della comunicazione non ostile: un'arma contro haters e cyberbullismo
A Firenze scendono in strada gli "angeli del freddo"
1 Comment
  1. cecilia vigo says

    Amo avere GRANDI DESIDERI!! Grazie a chi, come Francesca, ci aiuta a contattarli

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...