Portale di economia civile e Terzo Settore

Regali solidali: associazioni ancora indietro nei servizi digitali

5

Una ricerca di “Italia non profit” ha da poco rilevato che solo una organizzazione non a scopo di lucro su quattro ha una pagina web dedicata ai regali. Tale ricerca ha preso in analisi le prime 500 organizzazioni non profit del 5permille e ben 922 enti iscritti alla piattaforma. Dai risultati è emerso palesemente che la sfida digitale resta ancora tutta da giocare come ha affermato anche la fondatrice Giulia Frangione.

Secondo i dati 2017 Global Trends in Giving Report, i doni aumentano proprio con l’avvento delle feste natalizie poiché il 61% dei donatori preferisce donare a ridosso delle festività e il 77% propende a farlo a Natale. Inoltre “Italia non profit” ha rilevato che, prendendo in considerazione le 500 organizzazione del 5permille, il 25% presenta un riferimento diretto alla possibilità di effettuare regali solidali, e il 37,5% ha un richiamo specifico al Natale.

La Frangione ha poi aggiunto che il report di “Italia non profit” ha lavorato su due campionature differenti, esaminando enti importanti, nazionali e con un efficace uso del digitale. La fondatrice del progetto ha evidenziato il fatto che la piaga del Digital Divide è, purtroppo, ancora ben presente all’interno del panorama digitale italiano. Molti, infatti, preferisco ancora mettere in moto le varie campagne beneficiarie attraverso i metodi tradizionali e non tramite i mezzi digitali anche se  qualcosa negli ultimi anni sta mutando e questo aumenta le speranze verso un futuro digitalizzato.

A sostegno di queste ultime tesi vi sono i risultati delle osservazioni messe in atto da parte di “Italia non profit” su un campione di 311 enti che ha inserito informazioni sufficienti per superare una soglia rilevante in termini accountability. Di queste ultime, sono 266 ad avere un sito istituzionale, dunque l’86%, di cui, a sua volta, solo una su 4 ha almeno una pagina dedicata alla campagna natalizia: si va da una vetrina di prodotti solidali, a veri e propri e-commerce natalizi.

E’ importante dire che il periodo natalizio offre numerosi vantaggi e sfide importanti per le organizzazioni non profit. Tali opportunità sono collegate da un filo conduttore che risulta essere l’avvicinamento tra i bisogni degli utenti e il mantenimento della propria identità.

Anche a livello di strategie, il Natale può essere un modo per creare un collegamento tra il mondo online e quello offline poiché è fondamentale comprendere quali siano i periodi più propizi per le donazioni visto che, ha affermato la Frangione,  “i motori di ricerca, le piattaforme, i social creano connessioni tra l’ente e i donatori che allargano la prospettiva e le opportunità di raccolta fondi; collegano gli enti con i propri beneficiari creando nuovi luoghi nei quali realizzare la propria missione”.

Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia: ancora molto da fare in Italia
La tavola degli inganni: come sono imitati gli alimentari Made in Italy

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...