fundraising

Pubblicato il 5 dicembre 2017

Il fundraising è fatto anche di piccole cose

Questa volta vorrei raccontare una vicenda personale, una piccola cosa che però è di grande aiuto nel momento del bisogno.

Gino fa il giornalaio in una media città del Sud Italia e ha il suo negozio pieno di quotidiani, riviste, libri e gadget. Gino è un signore sempre sorridente e disponibile che mai una volta, nel vedermi, avrà pensato che volessi comprare qualcosa da lui… Cosa c’entra Gino con il fundraising? Tantissimo e ora ve lo spiego.

A molti sarà capitato di dover scambiare documenti con i propri clienti, con i propri fornitori o con gli amici: lettere, opuscoli, oggetti e molto altro. Il tempo è sempre poco, le distanze non brevi e quindi spesso risulta difficile conciliare gli impegni propri con quelli degli altri. Come risolvere il problema? Serve un mediatore, una cassetta delle lettere speciale, qualcuno che prenda, conservi, consegni, riprenda e riconsegni. Ed ecco Gino.

La funzione di Gino è preziosissima per me e per l’associazione di volontariato che seguo professionalmente. Il suo negozio è come la seconda sede dell’associazione e possiamo lasciare documenti importanti in mani fidate. Una succursale aperta anche di domenica! Cosa volere di più!

Gino non fa mai domande, è una persona discreta. Mi vede, sorride, annuisce, prende il plico e me lo consegna. Non ci sarebbe nemmeno bisogno di conversare: “io so che tu sai che io so”. Grazie Gino per esserci sempre, ci vediamo presto!

 

Nuovi scenari: Tutankhamon non smette di stupire
Tutori volontari di minori non accompagnati: primo corso in Abruzzo

Tags: , , , , , ,

Raffaele Picilli

Esperto in fundraising e people raising per organizzazioni Nonprofit ed Enti Pubblici. Nel 2001 fonda il network di consulenti per il Nonprofit Raise the Wind.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...