Robot medico

Pubblicato il 29 novembre 2017

Inventato a Hong Kong il robot medico che viaggia all’interno del corpo umano

E’ fatto di microscopiche alghe il primo robot medico, grande suppergiù come una minuscola molla, in grado di eseguire piccoli interventi chirurgici e di trasportare i farmaci precisamente ove occorre aumentandone l’efficacia e riducendone, conseguentemente, gli effetti collaterali.

La prima sperimentazione del robot è avvenuta su cellule tumorali di laboratorio: grazie a segnali magnetici il robot di alghe è riuscito a orientarsi e a uccidere il 90% delle cellule maligne in sole 48 ore.

Da decenni gli ingegneri lavoravano per sviluppare un apparecchio in grado di viaggiare all’interno del nostro corpo. Questo fantastico portento della tecnologia, pubblicato qualche giorno fa sulla prestigiosa rivista Science, è stato costruito da Li Zhang e dal suo team di ingegneri dell’Università cinese di Hong Kong mostrando da subito il suo potenziale anche in occasione delle sperimentazioni effettuate su animali in vita. Nello stomaco di alcuni roditori il robot ha nuotato liberamente ed è stato monitorato attraverso il ricorso di piccoli magneti e della risonanza nucleare. Al fine di indirizzare con precisione la traiettoria del dispositivo tra i mille ostacoli presenti nel nostro organismo, Zhang ha pensato di magnetizzare il robot rivestendolo di nanoparticelle di ossido di ferro. Inoltre, grazie alla luce fluorescente prodotta naturalmente dall’alga spirulina – un’alga dalla forma elicoidale che vive in laghi salati e che già da secoli è utilizzata dall’uomo come ottimo integratore alimentare – i ricercatori hanno potuto seguire con precisione maggiore il percorso effettuato dal robot verificando che la destinazione finale dei farmaci fosse corretta. Ulteriori test hanno infine confermato che la spirulina produce un composto tossico per le cellule tumorali.

Il robot di Li Zhang necessita certamente di ulteriori verifiche prima di essere impiegato massicciamente. Gli ingegneri stanno lavorando intensamente per creare un robot medico che sia biocompatibile, dunque capace di degradarsi all’interno dell’organismo umano senza lasciare alcuna traccia, e che sia il più possibile a basso costo. Rimane ancora molta strada da compiere ma il percorso sembrerebbe ormai tracciato: in futuro la medicina sarà, in larga parte, in mano ai robot.

Le 10 città al mondo più pericolose per le donne
Uniti verso la Salute Globale. Così sia! (seconda parte)

Tags: , , , , , , , ,

Milena D'Aquila

Giovane, almeno per ora, riccia e con tante idee per la testa. Amo i gatti, specialmente il mio gattone nero Rocco, le castagne e la burratina di Andria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...