dolcezze

Pubblicato il 18 novembre 2017

Dolcezze che portano al riscatto

Si chiama Libere dolcezze la nuova merendina oggi acquistabile in un’edicola situata nei pressi del Colosseo ma che presto sarà disponibile in molti ospedali della Capitale.

Il dolce, un fagottino di pastasfoglia farcito con crema di cioccolato e latte, è il coronamento di un sogno iniziato qualche mese fa quando, all’interno delle mura dell’Istituto penale per minorenni di Casal del Marmo a Roma, ad alcuni giovani è stata data la possibilità di seguire un corso di pasticceria. In cinque mesi i ragazzi hanno appreso i segreti dell’arte pasticciera fino a creare un proprio prodotto dolciario, il fagottino per l’appunto, che è stato presentato qualche giorno fa al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al direttore generale della Asl Roma 1, Angelo Tanese, e al capo del dipartimento di Giustizia Minorile, Gemma Tuccillo.

Grande la gioia espressa delle istituzioni, mentre irrefrenabile è stato l’entusiasmo dei ragazzi coinvolti nell’iniziativa: «E’ stato bellissimo fare il corso di pasticceria», affermano molti, «non pensavamo di arrivare fino a questo punto. La soddisfazione è tanta: siamo orgogliosi di noi».

Utilizzare il mondo della cucina per riabilitare i detenuti è un sistema che si è rivelato vincente anche in altre occasioni. Nel carcere di Busto Arsizio (Varese), ad esempio, è dal 2010 che l’amministrazione penitenziaria lavora con successo a Dolci Libertà: il progetto prevede la creazione di un ampio assortimento di dolciumi tutti rigorosamente realizzati dai detenuti della casa circondariale lombarda che, aderendo all’iniziativa, hanno la possibilità di rendere meno faticoso il periodo di detenzione, ricevono una piccola retribuzione per quanto fatto all’interno del laboratorio dolciario e, cosa più importante, hanno la concreta occasione di apprendere un mestiere e di capire il valore che deriva dal lavoro onesto.

E pensare che c’è chi dice che i dolci facciano male!

 

Stampa italiana diffusa all'estero: pubblicato il decreto per l'accesso ai contributi
Regali solidali a Torino con il Christmas Shop Paideia

Tags: , , , , , ,

Milena D'Aquila

Giovane, almeno per ora, riccia e con tante idee per la testa. Amo i gatti, specialmente il mio gattone nero Rocco, le castagne e la burratina di Andria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...