Sindrome del Bambino Scosso

Pubblicato il 14 novembre 2017

Sindrome del Bambino scosso, la campagna di Terres des Hommes

In Italia non esistono statistiche, ma negli Usa è stato rilevato che ben 30 piccoli su 100.000 nati all’anno subiscono gravi danni permanenti a causa del maltrattamento conosciuto dai medici come SBS – Shaken Baby Syndrome – o Sindrome del Bambino Scosso.

Per far conoscere questa forma di maltrattamento a volte inconsapevole e per prevenirlo, Terre des Hommes promuove la prima campagna nazionale “Non Scuoterlo!” con relative informazioni e sensibilizzazione sul fenomeno: a questo proposito è stato creato sul web un sito apposito che fornisce spiegazioni riguardo questo maltrattamento spesso anche violento sul neonato. Vi consigliamo di approfondire l’argomento cliccando qui.

Va detto intanto che la Federazione internazionale Terre des hommes è in prima linea dal 1960 per proteggere i bambini di tutto il mondo da violenze, abusi e sfruttamento e per cercare di fornire educazione scolastica, assistenza medica e cibo. L’associazione è accreditata presso l’Unione europea, l’Onu, USAID e il ministero degli Esteri di diversi Paesi, compreso quello italiano.

Ma capiamo dunque che cos’è la Sindrome del bambino scosso: il neonato ha come unico mezzo il pianto per comunicare un suo disagio che può essere avere fame, sonno, caldo, freddo, dolori di pancia oppure può anche solo cercare attenzione e contatto fisico. Il suo pianto può essere inconsolabile e far passare ai genitori nottate di veglia e di nervosismo con sensazioni che vanno dall’impotenza alla rabbia, sino ad arrivare all’esasperazione. A causa di questo senso di frustrazione può accadere che il genitore scuota il piccolo, magari sollevandolo con una certa forza per richiamare la sua attenzione e farlo smettere di piangere. Il vero dramma è che la testa e il cervello del neonato subiscono in questo modo forze di accelerazione e decelerazione che provocano danni meccanici ai neuroni e alle fibre nervose, oltre a traumi intracranici e oculari. A causa dello scuotimento quindi può seguire un’alterazione di coscienza e delle funzioni vitali, con difficoltà di respirazione e rallentamento del battito cardiaco. Non solo: si possono manifestare emorragie cerebrali e spinali e addirittura, a causa della mancanza di ossigeno, la morte dei neuroni che più hanno sofferto con conseguenze nefaste per il lattante.

Si comprende bene, quindi, come sia importante informare con cura i neo genitori riguardo la Sindrome del Bambino Scosso e soprattutto come sia necessario non abbandonarli a se stessi. Da queste osservazioni e queste necessità parte quindi la campagna di Terre des Hommes della quale è possibile la visione dello spot il cui interprete è Alessandro Preziosi.

 

 

Tutto pronto per Fico Eataly World, domani l'apertura
Giornata mondiale della gentilezza: facciamoci contagiare!

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Patrizia Abello

Sono nata a Milano da genitori piemontesi. Mi sento però a tutti gli effetti milanese perché amo profondamente la mia città. Ho svolto nel corso degli anni praticamente tutti i lavori inerenti ad aziende di commercio alimentare. Sono poi passata a interessarmi di economia e finanza ma le mie passioni rimangono quelle umanistiche, in particolare la Storia. Mi piace molto scrivere, attività che ho sempre svolto con molta passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...