nassiriya

Pubblicato il 12 novembre 2017

Strage di Nassiriya ad opera di Al Qaeda

12 novembre 2003 – Sono le 10.40 (in Italia le 8,40) quando un camion entra nella base italiana dei Carabinieri a Nassiriya, in Iraq, lasciando libero il passaggio a un’autobomba la cui esplosione si rivela distruttiva. Una strage: muoiono 12 militari dell’Arma, 5 dell’Esercito, 2 civili italiani e 9 iracheni, tra cui 4 bambini. E poi un gran numero di feriti, più o meno gravi.

La missione italiana in Iraq – “Operazione Antica Babilonia” – prevedeva il mantenimento della pace e il ripristino delle infrastrutture che i continui conflitti avevano fortemente compromesso, dunque non vi erano intenzioni bellicose da parte dell’insediamento italiano. Le indagini e le inchieste rivelano i responsabili del massacro: sono il gruppo terroristico di Al Qaeda e del suo leader Al-Zarqawi che andava reclutando terroristi da ogni dove.

In seguito alla barbarie di questo episodio, ai caduti di Nassiriya vengono dedicate piazze, vie ed edifici.

 

I frutti della terra sono vita, oggi la Giornata di Ringraziamento
Finisce la Prima guerra mondiale ma innesca la Seconda

Tags: , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...