fine-della-prima-guerra-mondiale

Pubblicato il 11 novembre 2017

Finisce la Prima guerra mondiale ma innesca la Seconda

11 novembre 1918 – Terminano le ostilità con la firma dell’armistizio di Compiègne da parte dell’impero germanico e della Triplice intesa. Proprio la Germania, considerata la maggiore responsabile dello scoppio della guerra, paga le conseguenze più pesanti: il ritiro dei territori occupati entro due settimane, la cessione di un grande quantitativo di armamentario, la consegna di locomotive e vagoni ferroviari. Il tutto come risarcimento per i danni prodotti agli altri Paesi. La Prima guerra mondiale passa alla storia come la Grande Guerra per una ragione molto semplice: la sua incredibile estensione territoriale e la conta altisonante delle vittime, 16 milioni tra civili e militari.

All’indomani della fine dei conflitti, il profilo geopolitico appare sconvolto con i crolli dei grandi imperi da una parte e la nascita di nuovi Stati tanto in Europa quanto in Medio Oriente dall’altra. Si tratta di un equilibrio precario che si fonda su basi fallaci e fragili, scontenta chiunque e in modo particolare la Germania, che sente di aver pagato per tutti. Queste ragioni avranno il loro peso circa due decenni più tardi, con lo scoppio della Seconda guerra mondiale.

Strage di Nassiriya ad opera di Al Qaeda
La scienza al servizio della pace

Tags: , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...