Portale di economia civile e Terzo Settore

E’ Mantova la città più green d’Italia. Male Enna e Palermo

17

Mantova si è aggiudicata il titolo di città più pulita d’Italia e, grazie ai suoi impeccabili risultati nella raccolta differenziata, nel contenimento delle perdite idriche, nella qualità dell’aria e molto altro, è la prima classificata nel rapporto di LegambienteEcosistema Urbano 2017”. Il punteggio è stato assegnato alle città sulla base di 16 indicatori considerati nel rapporto, aventi ad oggetto tematiche come aria, acqua, rifiuti, mobilità, energia ecc.

Dopo Mantova, tra le 104 città in classifica, troviamo Trento e Bolzano in pole position, mentre Torino risulta quella con il più alto tasso di smog. Belluno e Bolzano sono le migliori per quanto riguarda la qualità dell’aria, seguono poi Trento, Pordenone (dove si risparmia maggiormente l’acqua), e Parma, che hanno raggiunto gli obiettivi prefissati dal decreto Ronchi del 1997. Enna e altre città siciliane sono invece ultime in classifica: Siracusa (97° posto), Agrigento (98°), Catania (100°), Palermo (101°), Enna (104°).

Milano sale in classifica al trentunesimo posto grazie alle ZTL riservate al passaggio dei soli veicoli ecologici e al vasto utilizzo dei servizi pubblici, rimanendo però una delle principali città più pericolose per la salute a causa delle polveri contenute nello smog (Pm10). Insieme a Milano e Torino, troviamo Napoli e Frosinone tra i centri abitati con altissimo livello di aria inquinata.

In diverse città c’è stato un aumento di utilizzo dei trasporti pubblici e delle biciclette. Le città in cui si utilizzano maggiormente i mezzi a due ruote sono Ferrara, Pesaro, Reggio Emilia, Bolzano e Treviso, un cittadino su cinque usa la bici per spostarsi. Mentre i trasporti pubblici sono più utilizzati nelle grandi città.

Per quanto riguarda l’acqua, in 39 capoluoghi quasi tutta la popolazione è allacciata alla rete idrica, ma i margini di miglioramento sono ancora alti dal momento che molta acqua potabile viene sprecata. Sono soltanto sei, infatti, le città che riescono a contenere le perdite sotto il 15%.

Brindisi ha il primato sull’energia rinnovabile e vanta di 7.978 installazioni di pannelli fotovoltaici, mentre Brescia è la città più verde grazie ai numerosi alberi piantati (59 ogni 100 abitanti).

Le grandi città italiane producono più rifiuti rispetto alla media europea, ma le percentuali di raccolta differenziata spesso sono migliori: Torino e Milano hanno un riciclaggio quattro volte maggiore rispetto alle grandi città europee.

di Lucrezia Buccella

"Fame zero" rischia di fallire, analisi e soluzioni di ActionAid
La Filigrana: nasce a Rimini il primo poliambulatorio medico ad offerta libera

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...