miur rispetto

Pubblicato il 3 novembre 2017

Il Miur presenta un piano per educare gli studenti al rispetto

Al via il Piano nazionale per l’educazione al rispetto. Il Miur nei giorni scorsi ha presentato le azioni per contrastare disuguaglianze e discriminazioni nelle scuole di ogni ordine e grado. L’obiettivo è quello di educare al rispetto per contrastare ogni forma di violenza e discriminazione e favorire il superamento di pregiudizi e delle disuguaglianze, secondo i principi espressi dall’articolo 3 della Costituzione italiana. Parallelamente il ministero ha lanciato anche una campagna sui social con l’hashtag #Rispettaledifferenze.

L’iniziativa è stata illustrata nei giorni scorsi a Roma dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli che ha evidenziato: «Il lancio di questo Piano ci rende orgogliosi ed è particolarmente importante perché il rispetto delle differenze è decisivo per contrastare violenze, discriminazioni e comportamenti aggressivi di ogni genere. Perché il rispetto include un modo di sentire e un modo di comportarsi e relazionarsi fondamentali per realizzare l’art. 3 della Costituzione, cui tutto il Piano si ispira. Perché la scuola deve, può e vuole essere un fattore di uguaglianza, protagonista attiva di quel compito – “rimuovere gli ostacoli” – che la Repubblica assegna a se stessa. Ascolto, dialogo, condivisione: il rispetto significa tutto questo, significa fortificare la democrazia, migliorare la qualità di ogni esperienza di vita, contribuire a far crescere condizioni di benessere per tutte e tutti».

Con il Piano presentato vengono stanziati 8,9 milioni di euro per progetti e iniziative per l’educazione al rispetto e per la formazione delle e degli insegnanti. In particolare, 900.000 euro serviranno per l’ampliamento dell’offerta formativa, 5 milioni (fondi PON) per il coinvolgimento di 200 scuole nella creazione di una rete permanente di riferimento su questi temi. Altri 3 milioni sono messi a disposizione per la formazione dei docenti.

In attuazione del Piano sono state emanate le Linee guida nazionali, elaborate da un gruppo di esperti, per l’attuazione del comma 16 della legge 107 del 2015 per la promozione dell’educazione alla parità tra i sessi e la prevenzione della violenza di genere. «Queste Linee guida», ha aggiunto Fedeli, «sono frutto di un lavoro di confronto importante, portato avanti con l’obiettivo di trovare il massimo equilibrio e la più ampia condivisione. Quello che mi rende particolarmente orgogliosa è non solo aver formalmente attuato una prescrizione normativa, ma aver dato alle scuole uno strumento culturale importantissimo per combattere le disuguaglianze e gli stereotipi: la legge 107 punta a rendere centrale l’educazione al rispetto e alla libertà dai pregiudizi, riconoscendo dignità a ogni persona, senza esclusioni, nell’uguaglianza di diritti e responsabilità per tutte e tutti».

Sono state inoltre emanate anche le Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, previste dalla legge 71 approvata in Parlamento a maggio del 2017: saranno uno strumento flessibile e aggiornabile per rispondere alle sfide educative e pedagogiche legate alla costante evoluzione delle nuove tecnologie. Fra i punti del Piano c’è poi il rafforzamento degli Osservatori attivi presso il Ministero sui temi dell’integrazione, dell’inclusione e per la promozione di iniziative sui temi della parità fra i sessi e della violenza contro le donne. Il Piano prevede anche il lancio, il 21 novembre, del nuovo Patto di corresponsabilità educativa per rinsaldare il rapporto fra scuola e famiglia e la distribuzione a tutti gli studenti della Costituzione.

Spose bambine: India verso un cambiamento?
Tenda a energia solare per senzatetto, il progetto di dodici ragazze californiane

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...