Portale di economia civile e Terzo Settore

Asili nido: aumentano costi e liste d’attesa

3

Non è un Pese per giovani il nostro, e questo la sapevamo, ma che non fosse nemmeno per giovanissimi ancora l’ignoravamo. Eppure nella nostra cara Italia le cose non funzionano su tanti, troppi, fronti: l’ultima “bella notizia” arriva dritta dritta dagli asili nido.

Avete presente quei posti tanto carini pieni di giochi e bambini urlanti che tra le numerose attività delle maestre permettono ai nostri figli di trascorrere ore piacevoli e a noi genitori di lavorare con relativa tranquillità? Be’ scordateveli, soprattutto se a fine mese ci arrivate a stento e se, in questo caso ahimè, vivete nelle province di Chieti, Roma e Venezia. Perché? Perché le tariffe dei nido sono in aumento!

Le famiglie italiane normalmente spendono in media 301 euro al mese per la retta degli asili nido, senza contare quegli 80 euro della mensa. Certo, ogni territorio offre un prezzo differente: la retta di Agrigento e Catanzaro è di appena 100 euro ma il prezzo non comprende le spese necessarie per l’infante – e i pannolini? Cari genitori portateveli da casa! – mentre Lecco, da tre anni, “vanta” il primato di città più costosa con una tariffa di 517 euro che è comunque in ribasso rispetto ai 572 euro del 2005 (che fortuna!).

Con una famiglia di tre persone di cui un minore al di sotto dei 3 anni e un Isee di 19.900 euro, il Molise è la regione con la retta più economica: 167 euro. Il Trentino Alto Adige la più costosa: 472 euro. Si registra poi un aumento del 10 per cento in Basilicata ma, le crescite più rilevanti, nelle ultime tre stagioni, sono state a Chieti (+50,2 per cento), Roma (+33,4 per cento) e Venezia (+24,9 per cento).

A peggiorare la questione piovono addosso i dati forniti dall’ultimo rapporto di Cittadinanzattiva, “Servizi in… Comune. Tariffe e qualità di nidi e mense” che denunciano anche un altro, pesantissimo, ostacolo: l’aumento delle liste d’attesa per far entrare il bambino al nido. Risultato?

Nel corso del 2016, su trentamila donne che hanno dato le dimissioni dal posto di lavoro, una su cinque l’ha fatto per il mancato accoglimento dei figli al nido pubblico, quasi una su quattro per incompatibilità tra lavoro e assistenza al bimbo, il cinque per cento per i costi elevati dell’assistenza al neonato (dati dell’Ispettorato nazionale del Lavoro).

 

Calenda: «Italia fuori dal carbone entro il 2025»
"Cure nel cuore dei conflitti", Medici Senza Frontiere ha bisogno di noi

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...