Portale di economia civile e Terzo Settore

Come e più degli altri: quando la sindrome di Down non è che un dettaglio insignificante

11

Valerio Catoia ha 17 anni, vive a Latina, frequenta il liceo delle Scienze Umane, ha tanti amici, suona la chitarra, è uno scout e, sopra ogni cosa, ha una passione per gli sport. Pratica atletica leggera ed è anche molto bravo: quest’anno è arrivato terzo nei 1.500 metri e secondo negli 800 metri a livello nazionale. Quel che più lo diverte è però stare in acqua: fa nuoto da quando aveva tre anni e non vorrebbe mai uscire dalla piscina. E’ un ragazzo come tanti eppure quest’estate Valerio diventa famoso perché fa qualcosa di eccezionale, oltre che estremamente coraggioso: salva la vita a una persona.

A luglio Valerio si getta tra le onde agitate del mare di Sabaudia e salva una bambina di dieci anni sopraffatta dall’acqua. I bagnanti assistono increduli al gesto eroico mentre il padre di Valerio, accorso anch’egli in aiuto del figlio, lo guarda altrettanto basito avendo nel cuore enorme gioia e gratificazione. Qualsiasi genitore sarebbe stato orgoglioso del proprio ragazzo ma per il papà di Valerio la felicità è doppia perché Valerio ha la sindrome di Down.

La notizia del salvataggio ha immediatamente fatto il giro del web e dei giornali, Valerio riceve i complimenti anche da parte del capo dello Stato, Sergio Mattarella, e del ministro dello Sport, Luca Liotti. L’impresa compiuta nelle acque di Sabaudia è speciale: è un segno che ribadisce, ancora una volta, come i ragazzi con la sindrome di Down possano fare tutto quello che fanno le persone considerate “normali” e, come ci ha insegnato Valerio Catoia, anche molto di più.

 

Al via nuova spedizione italiana in Antartide
Q-Bottles: capi d'abbigliamento dalle bottiglie di plastica

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...