pipistrelli

Pubblicato il 18 ottobre 2017

Cosa c’entrano i pipistrelli con la solidarietà e il fundraising?

Ho da poco finito di leggere un libro molto interessante: “Nella mente degli animali” di Danilo Mainardi. Il libro tratta del comportamento degli animali e del loro istinto, che non sempre, ne condiziona le azioni. Questo vuol dire che gli animali sono capaci di pensare e risolvere problemi, anche complessi, in maniera rapida ed efficace. Dunque, non esiste nell’animale solo l’istinto ma anche il ragionamento.

Occupandomi di fundraising mi è saltato subito alla mente il rapporto tra pipistrello e solidarietà. Il cane sarà sicuramente il miglior amico dell’uomo (per me lo è anche il gatto) ma il pipistrello è sicuramente il più generoso, almeno con i suoi simili. Il pipistrello è un animale sociale che spesso vive in grandi comunità.

Danilo Mainardi, nel suo libro, spiega perché questo volatile sia davvero un’altruista puro. Quello del pipistrello, non è altruismo riservato solo ai “parenti” cioè ai consanguinei ma altruismo riservato a chi, nel gruppo, ha davvero bisogno di aiuto. C’è un però. I pipistrelli sanno riconoscere chi nel gruppo è stato a sua volta un’altruista. Hanno evidentemente una memoria di ferro e quindi, in base ai ricordi, sanno riconoscere chi è meritevole di aiuto nel momento del bisogno. Sono stati fatti molti esperimenti che dimostrano chiaramente la capacità di questi animali di riconoscere chi è “solidale” da chi non lo è.  Noi umani non abbiamo di queste fortune.

 

Manovra finanziaria 2018 approvata dal Consiglio dei ministri
Conflitti, cambiamenti climatici e diritto all’alimentazione

Tags: , , , , ,

Raffaele Picilli

Esperto in fundraising e people raising per organizzazioni Nonprofit ed Enti Pubblici. Nel 2001 fonda il network di consulenti per il Nonprofit Raise the Wind.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...