Portale di economia civile e Terzo Settore

Fuori dal buio: un ciclo di incontro sullo stress post terremoto

10

Informare, sensibilizzare e di aiutare e sostenere le persone che soffrono di ansia e attacchi di panico. E’ con questo obiettivo che l’Associazione di volontariato Insieme Onlus, con il patrocinio del Comune di Grottammare (Ascoli Piceno), promuove un ciclo di incontri dal titolo “Fuori dal Buio” in programma il 14 e il 28 ottobre e il 4 novembre nella città marchigiana.

In particolare le tre giornate di dibattito ruoteranno intorno ai temi del terremoto, dei disagi del nostro tempo e dei mali dell’anima, come le reazioni da stress dopo eventi catastrofici e le difficoltà di adattamento connesse. Si rifletterà non solo su quanto disagi si siano amplificati nell’ultimo periodo a causa degli ultimi tragici eventi del Centro Italia, ma soprattutto su quali siano le strategie giuste per combatterli.

In casi simili, infatti, l’organismo è esposto a un enorme livello di stress e il cervello si attiva istantaneamente per tentare di ripristinare il normale funzionamento fisiologico. Questo processo naturale a volte può non avvenire linearmente e andare incontro a dei blocchi o compromissioni, ed ecco la ragione per la quale gli specialisti cercheranno di rispondere e informare la cittadinanza su tali temi.

Nella giornata di oggi, 14 ottobre (ore 15 – sala consiliare del Comune di Grottammare) gli esperti proveranno a rispondere, tra l’altro, ai seguenti interrogativi: Quali sono i fattori di protezione e quali quelli di rischio da riconoscere? Quali accorgimenti adottare in taluni casi? Come poter far fronte alle sfide quotidiane?

La giornata del 28 ottobre, invece, inizierà con un approfondimento del concetto di stress e una rassegna sui “falsi miti” diffusi sullo stesso. Verranno chiarite le differenze esistenti tra stress “negativo” e stress “positivo”, i legami tra stress e malattia (organica e psicologica) e i meccanismi attraverso i quali determinati eventi diventano stressanti per alcuni individui; la valutazione soggettiva dell’evento e la connessione tra questa e il sistema motivazionale dell’individuo; le strategie cognitive e comportamentali messe in atto dalle persone per fronteggiare le situazioni difficili (strategie di coping). L’incontro proseguirà con l’approfondimento e l’analisi delle varie strategie di coping e delle circostanze in cui determinate strategie di coping diventano dannose per l’individuo. L’ultima parte dell’incontro verterà sull’autostima, le sue correlazioni con il benessere e con la vita personale e lavorativa, i fattori di vulnerabilità che portano allo sviluppo di un inadeguato livello di autostima e i conseguenti processi cognitivi disadattivi. Verranno infine presentate delle linee guida per incrementare il proprio livello di autostima;

A concludere il ciclo di eventi, nella giornata del 4 novembre, sarà un incontro sulla cultura dell’auto-mutuo-aiuto, come definito anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità “l’insieme di tutte le misure adottate da non professionisti per promuovere, mantenere e recuperare la salute, intesa come completo benessere fisico, psicologico e sociale di una determinata comunità”. Verrà trattata l’importanza delle relazioni con gli altri e del sostegno reciproco; la qualità della vita e il disagio relazionale, con testimonianze dirette di membri e facilitatori dei gruppi Auto-Mutuo-Aiuto Insieme Onlus.

L’evento è gratuito, non occorre registrarsi e alla fine degli incontri verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

 

Cuoio liquido per dire basta alla pelle naturale, così ha fatto Modern Meadow
Io non rischio, la campagna della Protezione Civile oggi nelle piazze italiane

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...