Portale di economia civile e Terzo Settore

Muore Albert Schweitzer, l’antesignano dei medici missionari

47

4 settembre 1965 – A Lambaréné, nella foresta equatoriale del Gabon, muore Albert Schweitzer, i cui talenti e le cui passioni e abilità sono innumerevoli. Eppure nasce, per così dire, svantaggiato. Perché sin da bambino ha problemi nel leggere e nello scrivere, si deconcentra facilmente e fa fatica a imparare concetti semplici. Però ha uno straordinario rapporto con la musica, passione che non lo abbandonerà mai.

Ma la svolta della sua vita avviene quando, superati i forse mai veri e propri problemi di apprendimento, si iscrive alla Facoltà di Medicina con un obiettivo preciso: specializzarsi in malattie tropicali e andare in Africa. Si laurea e comincia immediatamente a raccogliere fondi per costruire un ospedale a Lambaréné, una città del Gabon situata in Africa Centrale. Ma i soldi raccolti sono pochi, così decide di realizzare un ambulatorio in un vecchio pollaio, con l’aiuto dell’infermiera Hélène Bresslau, che in seguito diventerà sua moglie.

Gli indigeni imparano a guardarlo con simpatia perché Albert Schweitzer è un uomo di grande spessore umano, non giudica, rispetta gli usi, i costumi e la religione del posto. E soprattutto, si trova in Africa per fare il medico. È instancabile, si muove di villaggio in villaggio ogni volta che il caso lo richiede, si espone in prima persona ai rischi derivanti dagli esperimenti atomici e dalle radiazioni nucleari perché gli interessa comprendere da vicino la medicina della ricerca. Nel 1952 gli viene conferito il Nobel per la Pace con i cui proventi costruisce il “Village de la lumière” (villaggio della luce) per la cura dei lebbrosi. Muore anziano, dopo una vita dedicata al lavoro, al sacrificio, al buon esempio. Ed è senz’altro uno degli antesignani dei medici missionari che approderanno in seguito in Africa.

Giornata internazionale della carità
Entra in vigore la Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...