Portale di economia civile e Terzo Settore

Bird Street, dove i passi diventano energia

19

Siamo nel centro di Londra e precisamente in Bird street, una traversa di Oxford street che, secondo ricerche molto recenti dell’università King’s college London, viene definita come una delle strade più inquinate d’Europa.

Se è vero che in generale nel Regno Unito ci sono diverse zone in cui i livelli di inquinamento nell’aria sono molto alti, a Londra sono i peggiori, motivo per cui il sindaco Sadiq Khan all’inizio di quest’anno ha lanciato l’allarme.

Per combattere questo fenomeno, la startup londinese Pavegen system ha rivestito con particolari piastrelle una parte di Bird street (circa 10 metri quadri).

Ma che hanno di particolare queste piastrelle? Generano energia: semplicemente transitando sulle piastrelle Pavigen vengono prodotti – grazie alla pressione del corpo – circa 5 watt per ogni passo. I watt vengono successivamente immagazzinati in una batteria e potranno poi essere utilizzati per l’illuminazione o altre necessità elettriche senza inquinare. Tutto grazie ai passi di chi vi transita. È possibile anche scaricare sul proprio smartphone un’app che è collegata a sensori e controllare quanti watt sono stati scaricati in base al numero dei propri passi.

Inoltre, sempre in Bird street, sono state installate le panchine CleanAir che purificano l’aria grazie a ventilatori posizionati sul retro della seduta, rilasciando aria pulita.

Diventa superfluo dire che questa oasi nel centro di Londra è chiusa al traffico di veicoli ed è anche proibito fumare.

Il progetto della Pavegen rimarrà aperto al pubblico per due anni e non è soltanto quello di dimostrare l’efficacia di questa soluzione ma anche quello di abbattere i costi delle piastrelle, in modo che questa installazione temporanea diventi permanente. L’intento non è quello di sostituire la produzione di energia da fonti rinnovabili come l’eolico e il solare in generale, ma quella di fornire un beneficio e un aiuto a queste energie stesse.

Telepass amplia i servizi: possibile pagare carburante, multe, taxi e bollo auto
Grano per pasta e riso: scatta l'obbligo di provenienza in etichetta

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...