Portale di economia civile e Terzo Settore

Bonus asilo nido: ecco come richiederlo

18

Al via le domande per la richiesta del bonus asilo nido di cui vi avevamo parlato già nei mesi scorsi (leggi l’articolo). A partire dalle 10 di lunedì 17 luglio sarà attivo il servizio online per richiedere l’agevolazione che prevede un buono annuo di mille euro corrisposto in 11 mensilità. Una boccata d’ossigeno per i genitori che lavorano e che devono necessariamente lasciare i propri bambini nelle strutture dedicate all’infanzia, anche quando il budget familiare non è sufficiente ad arrivare a fine mese. Ma non solo per loro, dal momento che il bonus spetta a tutte le famiglie indipendentemente dal reddito.

Il contributo può essere richiesto per due motivi: per far fronte al pagamento di rette relative alla frequenza in asili nido pubblici e privati per bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 (il bonus asilo nido) oppure per assolvere al pagamento dell’assistenza domiciliare per bambini al di sotto dei tre anni di età, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione).

E’ importante sapere che il beneficio non è cumulabile con la detrazione fiscale per le spese relative all’iscrizione all’asilo nido, né con i voucher asili nido e baby sitter. Inoltre il bambino deve essere iscritto all’asilo nido per tutto l’anno e il bonus spetta per 3 anni, quindi per un totale di 3000 euro.

La domanda può essere presentata “dal genitore di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in possesso dei requisiti richiesti, dietro presentazione della documentazione attestante l’avvenuto pagamento della retta per la fruizione del servizio presso l’asilo nido pubblico, o privato autorizzato, prescelto”. In particolare, per poter presentare l’istanza, il genitore deve essere in possesso dei seguenti requisiti: a) cittadinanza italiana, oppure di uno Stato membro dell’Unione europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo; b) residenza in Italia.

L’istanza può essere presentata a partire dal prossimo 17 luglio, fino al 31 dicembre 2017 con le seguenti modalità: on line tramite i servizi telematici dell’Inps; via telefono chiamando il Contact Center dell’istituto al numero verde 803.164 gratuito da rete fissa o il numero 06164.164 da rete mobile (con tariffazione a carico); di persona rivolgendosi a un patronato.

Caldo estivo: 10 consigli per tutelare i nostri animali
Il coraggio delle donne Maya: difendere il patrimonio culturale per continuare a esistere

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...