Portale di economia civile e Terzo Settore

Aria condizionata sì, ma seguendo questi 10 consigli

19

L’estate è arrivata e con essa anche l’afa che non ci fa lavorare bene di giorno e dormire di notte. In molti trovano nell’aria condizionata una soluzione ai propri problemi, senza tuttavia pensare troppo alle conseguenze. Se non bastasse il fatto che il climatizzatore non è proprio un toccasana per la nostra salute, e che ci espone a sbalzi termici troppo alti quando all’esterno la temperatura è particolarmente elevata, a risentire delle nostre scelte in tema di aria condizionata è anche l’ambiente. Oltre ovviamente  alle nostre tasche.

Qualche giorno fa abbiamo parlato in un articolo proprio di quanto i nostri atteggiamenti rischiano di contribuire in maniera pesante sui cambiamenti climatici e di come questi possano influire sul Pianeta e sui suoi abitanti. Inoltre, l’effetto serra produce un aumento delle temperature nel periodo estivo e quindi è un cane che si morde la coda.

Per questo Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, per l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) ha deciso di diffondere una mini-guida con 10 indicazioni per usare al meglio i climatizzatori salvaguardando comfort e spesa. Secondo le stime, comportamenti più consapevoli e attenti consentono infatti di ottenere benefici economici, con risparmi dal 5 al 7% sul totale della bolletta dell’energia elettrica.

Inoltre gli esperti di Enea si renderanno disponibili mercoledì 28 giugno dalle 11 sulla pagina Facebook @ENEAUfficioStampa a rispondere in diretta a tutte le richieste in materia del popolo del web.

Ma vediamo, dunque, quali sono i semplici consigli per risparmiare in bolletta e rispettare l’ambiente senza subire troppo il caldo.

  1. Occhio alla classe energetica: preferire i modelli in classe energetica A o superiore;
  2. Preferire gli inverter, gli apparecchi dotati di tecnologia inverter adeguano la potenza all’effettiva necessità e riducono i cicli di accensione e spegnimento;
  3. Approfittate degli incentivi: per l’acquisto di una pompa di calore, se destinata a sostituire integralmente o parzialmente il vecchio impianto termico, si può usufruire dell”Ecobonus’, la detrazione del 65% cui è possibile ricorrere fino al 31 dicembre 2017, oppure del ‘Conto termico’.
  4. Attenzione alla posizione: è importante collocare il climatizzatore nella parte alta della parete ed evitare di mettere il climatizzatore dietro divani o tende;
  5. Non raffreddare troppo l’ambiente: due o tre gradi in meno della temperatura esterna sono sufficienti. Spesso basta attivare esclusivamente la funzione ‘deumidificazione’;
  6. Ogni stanza ha bisogno del suo climatizzatore: non è corretto installare un condizionatore potente in corridoio sperando che rinfreschi tutta casa;
  7. Non lasciare porte e finestre aperte;
  8. Coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione;
  9. Usare il timer e la funzione ‘notte’;
  10. Occhio alla pulizia e alla corretta manutenzione: i filtri dell’aria e le ventole devono essere ripuliti alla prima accensione stagionale e almeno ogni due settimane. Se deteriorati, vanno sostituiti. È importante inoltre controllare la tenuta del circuito del gas.
Droga: aumenta il consumo anche fra i minorenni
Comuni ricicloni 2017: la classifica di Legambiente

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...