Portale di economia civile e Terzo Settore

Bambini al mare: i consigli degli esperti contro l’annegamento

24

Con l’estate ormai alle porte saranno in molti a voler trascorrere momenti di relax sulla spiaggia, una scelta che spesso mette d’accordo genitori liberi di smaltire lo stress provocato dal lavoro e bambini al mare che, tra giochi sulla sabbia, altalene e bagni, godranno di divertimento assicurato.

Ma troviamo giusto ricordare i consigli degli esperti riguardo i comportamenti corretti da assumere e quelli da evitare quando i bambini scalpitano per sguazzare felicemente tra le onde, anche in caso di   mare calmo. In questo senso l’Oms si è spesa molto con la sua  Campagna Acquaticità e Sicurezza patrocinata dal ministero della Salute con l’obiettivo di sensibilizzare i genitori contro i pericoli da annegamento.

Intanto è fondamentale evidenziare che i bambini al mare hanno tutto il diritto di divertirsi con i loro coetanei o genitori, e gli atteggiamenti eccessivamente allarmistici certo non giovano a nessuno. Tuttavia gli esperti concordano nell’affermare che le distrazioni da parte di madri e padri non sono ammesse, neanche se i propri figli sono provvisti di braccioli che restano fondamentali.

Allora ecco qualche consiglio utile per vivere il bagno al mare in sicurezza:

  • Permettere che il bambino approcci con l’acqua gradualmente bagnando i piedi e le mani o aiutandosi con una piccola piscina gonfiabile;
  • Sempre molto utili i corsi di nuoto a partire dai 4 anni in su. Si tengono ormai in tutte le città e aiutano i piccoli a stabilire un rapporto corretto con l’acqua;
  • Scegliere le spiagge sorvegliate dai bagnini è fondamentale, il loro lavoro è proprio quello di intervenire in caso di necessità;
  • In mare si entra solo se muniti di braccioli e, in caso di utilizzo di materassino, salvagente o comunque oggetti gonfiabili, bisogna prestare attenzione perché possono facilmente allontanare troppo il piccolo dalla riva;
  • In presenza di bandiera gialla o rossa non avventurarsi mai in acqua;
  • I bambini al mare non vanno lasciati soli perché in caso di un crampo o un’onda particolarmente forte si corrono dei rischi;
  • È bene che si sappia nuotare in acqua, regola che vale per figli e genitori;
  • Non trascurare la temperatura dell’acqua prima dell’immersione, qualora questa sia troppo fredda e il bambino molto accaldato esiste il rischio di uno shock termico, per cui vale sempre la regola di effettuare l’ingresso in modo lento e graduale;
  • No al bagno dopo aver mangiato ma attendere almeno tre ore dopo un pasto completo e due quando si tratta di un gelato o un panino.
  • Attenzione ai tuffi, specialmente se l’acqua è bassa;
  • Evitare che il bambino resti troppo tempo a giocare sotto la superficie dell’acqua in apnea, può essere pericoloso.

Regole semplici dettate dal buon senso ma che, se osservate, permetteranno un sano divertimento senza inutili preoccupazioni.

 

 

 

 

La guerra del grano duro italiano comincia dalla Puglia
Amazon Pantry: scopriamo come funziona

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...