Portale di economia civile e Terzo Settore

People raising: come devo gestire i volontari?

13

Dopo il primo articolo sulla gestione dei volontari (leggi qui), qualche altro suggerimento per chi ha responsabilità di gestire un gruppo di volontari e alcune riflessioni sul people raising.

Se uno dei vostri volontari non partecipa più alle attività associative, non perdete tempo, fategli una telefonata! Invitatelo in sede, parlategli, cercate di capire il “perché” della sua assenza. Sarà fondamentale per pesare le vostre capacità gestionali. Gestire dei volontari, cioè dei “donatori di tempo” non è facile ed è per questo che un leader solidale non deve essere solo carismatico ma soprattutto partecipativo. Trovare nuovi volontari è molto difficile, formarli e farli appassionare alla mission associativa è sempre una scommessa, ma per perderli, basta pochissimo. Ecco qualche suggerimento:

  • I volontari vanno formati, sempre. Vanno aiutati a migliorarsi. Chi non sa stare in gruppo, deve imparare a farlo, chi non è abituato a lavorare coordinando tempi e azioni, deve imparare a farlo;
  • Non tutti i volontari sono in grado di lavorare in prima linea e non tutti sono in grado di fare lavori di ufficio. Per questo, dategli più possibilità fin quando non troveranno la loro dimensione. Devono sentirsi utili ed essere felici. La felicità è la miglior pubblicità per coinvolgere altri volontari;
  • È importante avere, per ogni volontario, un fascicolo nel quale inserire l’elenco dei corsi che hanno seguito e le loro particolari attitudini;
  • Quando assegnate un compito a un nuovo volontario, siate precisi nel dare indicazioni. È all’inizio del suo cammino con voi e ha bisogno di certezze. Ditegli quali saranno gli ostacoli che potrebbe incontrare e come superarli. Naturalmente, ci saranno sempre compiti noiosi da svolgere ma anche questo fa parte del gioco! Meglio essere sempre chiari in anticipo;
  • Non lasciate mai solo un nuovo volontario, meglio affiancarlo a uno con più esperienza. Affiancatelo ad una sorta di Cicerone che possa fargli da guida;
  • Delegare i compiti è necessario, per essere davvero manager partecipativi. Ricordate che se delegate, la delega deve essere piena. Questo vuol dire che chiederete a un volontario di fare una torta di mele, non dovrete stare a controllare il numero di mele utilizzate o come sono state tagliate, ma la torta nella sua interezza.

 

 

Banca Etica: i 15 progetti selezionati dal bando IMPATTO+
Ci incontriamo...per un mondo diverso!

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...