alternanza scuola-lavoro

Pubblicato il 16 maggio 2017

Alternanza scuola-lavoro: giovani alla scoperta delle associazioni con i Csv

Promuovere la cittadinanza attiva tra i giovani e offrire loro un’occasione di crescita umana e professionale. E’ questo il senso dei progetti di alternanza scuola-lavoro realizzati dalla rete dei Csv in collaborazione con 656 associazioni del territorio nazionale.

A tracciare un bilancio dell’iniziativa è il Csvnet che ha effettuato una ricognizione su 53 centri di servizio per il volontariato fotografando numeri decisamente positivi. Nell’anno scolastico 2016-2017 più di 8.200 studenti sono stati coinvolti, insieme a 441 docenti di 237 istituti, in progetti di alternanza scuola-lavoro, realizzati dalla rete dei Csv in collaborazione con 656 associazioni.

La positività dei dati ruota su due versanti: il primo è un raddoppio rispetto a quelli dell’anno precedente (nel 2015-2016 le scuole coinvolte erano 157; gli studenti poco più di 4mila; i docenti 230 e le associazioni 367); il secondo, se vogliamo ancora più interessante, è che l’applicazione della cosiddetta “buona scuola”, sta promuovendo sempre più il volontariato tra i giovani, promuovendo la loro cittadinanza attiva e la loro crescita personale, così come queste esperienze rappresentano un ottimo terreno di sperimentazione anche per le associazioni.

Entrando nel dettaglio, dei 53 Csv che hanno risposto alla ricognizione svolta tramite questionario, 47 hanno realizzato attività specifiche nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro. Si tratta di progetti avviati in quasi tutte le regioni e che, nel 50,9% dei casi, prevedono l’accoglienza diretta di oltre 964 studenti (pari all’11% del totale) da parte dei Csv, mentre una parte ha svolto le ore di alternanza presso le associazioni facenti parte dei progetti promossi dai Centri. Tutti gli altri studenti sono stati invece coinvolti in iniziative volte, in particolare, a informarli su questa possibilità poco conosciuta offerta dalla legge 107.

Tra le attività realizzate dai Csv su questo tema, infatti, ci sono anche l’informazione alle associazioni e alle scuole sulle opportunità legate all’alternanza scuola-lavoro, l’orientamento e la connessione fra scuole ed enti non profit, l’accompagnamento e il tutoring per l’inserimento dei ragazzi nelle associazioni. Inoltre, in molti casi, i CSV hanno progettato insieme alle associazioni e alle scuole le attività di alternanza, si sono occupati di formare le associazioni sull’accoglienza degli studenti e hanno orientato gli insegnanti sulle opportunità legate alla collaborazione con le associazioni; infine hanno valutato le competenze acquisite dagli studenti coinvolti nei progetti di alternanza e realizzato attività di accompagnamento alla realizzazione di Imprese formative simulate.

«Dopo questi mesi di sperimentazione e alla luce dei risultati raggiunti», commenta Luigi Conte, consigliere di Csvnet con delega alla formazione, «la rete dei Csv evidenzia ancora una volta la capacità del volontariato di essere un luogo di crescita importante per i giovani, fondamentale per il loro sviluppo come cittadini e come futuri lavoratori. Infatti, entrando in contatto con le associazioni i ragazzi possono far pratica concreta di lavoro in un ambiente ricco di valori, informale e non competitivo. E possono acquisire competenze fondamentali e spendibili poi altrove nel mondo del lavoro, come ad esempio: analizzare problemi complessi e programmare i possibili interventi da mettere in atto, comunicare e ascoltare interagendo in gruppi di lavoro, superare gli ostacoli burocratici ecc. L’incontro tra giovani e associazioni è dunque un’opportunità di crescita e sviluppo sociale da agevolare sempre di più».

Codice del Terzo Settore, Impresa Sociale e Cinque per mille
Violenze inaudite contro i Gamela, indigeni del Brasile

Tags: , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...