Portale di economia civile e Terzo Settore

Le madri di Plaza de Mayo vincono un’altra battaglia

21

Le meravigliose madri di Plaza de Mayo, in Argentina, ancora una volta si sono riunite e hanno fatto sentire la loro voce, hanno vinto una nuova battaglia.

E’ successo che giorni fa la Corte Suprema argentina ha emesso una sentenza in base alla quale coloro che sono in carcere con l’accusa di aver commesso delitti di lesa umanità – torture, uccisioni, rapimenti – possono contare in modo doppio i giorni già trascorsi in carcere, al fine di ridurre la loro condanna. La sentenza è stata definita “del 2×1” e ha immediatamente suscitato enorme indignazione nel popolo argentino.

Le madri dei desaparecidos si sono armate del loro fazzoletto bianco, ormai irrigidito dalle troppe lacrime versate, una freccia puntata verso coloro che hanno “forse” massacrato i loro figli, mariti e padri, fratelli e sorelle. O li hanno mandati a morire. E con quelli, quei fazzoletti consunti, sono tornate in piazza a gridare il loro “Nunca mas” in decine di migliaia (alcune fonti parlano di oltre 100mila partecipanti).

Non va infatti dimenticato che Nunca mas (Mai più) è sempre stato il grido di quelle madri, ma si è poi esteso a molte associazioni e manifestazioni per reclamare i diritti umani in generale.

Dunque, innanzitutto la memoria, memoria di quelle circa 30mila vite dei desaparecidos causati dal governo militare tra il 1976 e il 1983. Memoria che faccia in modo che il ricordo del passato possa far riconoscere nel presente situazioni che assomigliano a quelle che sono state combattute e vissute sulla propria pelle. Memoria che, e non ci stancheremo mai di dirlo, va raccontata e tramandata affinché rimanga viva.

Diceva Sting, in una dolce canzone scritta per queste donne: «Ellas danzan solas» (Loro ballano da sole). E un brivido di empatia con il loro dolore corre sotto la pelle.

Bene, dicevamo che “le madri” hanno ripreso i loro fazzoletti bianchi sventolandoli in Plaza de Mayo, hanno costretto il Governo ad ascoltarle e hanno vinto: con un voto unanime del Senato, il parlamento argentino ha approvato immediatamente una legge che impedisce il rilascio anticipato delle persone condannate per  i crimini commessi durante gli anni della dittatura militare.

Molte sono state le dichiarazioni dei manifestanti, soddisfatti ma non placati, proprio perché per loro la memoria di quanto è avvenuto è molto importante. Lo stesso presidente argentino Mauricio Macri ha detto: «Sono contrario a ogni strumento che favorisca l’impunità, soprattutto quando si tratta di crimini contro l’umanità».

Ci uniamo anche noi: soprattutto per crimini contro l’umanità e contro la persona, auspichiamo la certezza della pena. Che non lenisce il dolore, ma che consente un pizzico di fiducia in più nei diritti e nei doveri di ogni singolo cittadino.

Taiwan primo Paese asiatico a legalizzare i matrimoni gay
Amnesty: "In Venezuela si sta perdendo il diritto di espressione"

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...