Portale di economia civile e Terzo Settore

Una lampada per una nuova vita, la bella iniziativa di Arjowiggins Graphic

14

Non per tutti i bambini del mondo sedersi sulla sedia e fare i compiti è qualcosa che si possa dare per scontato, soprattutto se manca l’elettricità. Questa è la triste realtà di moltissimi bambini del Mali che, all’interno dei loro villaggi, sono costretti a lasciare penne e libri dopo il tramonto.

Consapevole di tale problematica, Arjowiggins Graphic, azienda addetta alla fornitura di soluzioni ambientali e innovative per la comunicazione stampata, eco-compatibile, nel pieno rispetto ambientale, si è resa protagonista di un’encomiabile e originale iniziativa chiamata “A light for a new life”, in collaborazione con la nota associazione Childfund Alliance. Lo scopo è quello di donare 200 lampade ai bambini del Mali attraverso una modalità semplice e alla quale tutti possiamo partecipare: collegandosi al sito www.mali.cycluspaper.com, guarderemo un video molto interessante in cui Awa, una bambina malese, ci spiegherà quanto siano importanti per il suo villaggio quelle ore in più di illuminazione. Ogni 25 visualizzazioni, un bambino riceverà la preziosa lampada e ognuno di noi sarà certamente non solo felice per aver dato il proprio contributo alla causa, ma anche più consapevole circa le problematiche che affliggono Paesi lontani da noi ma non per questo da abbandonare al proprio destino.

Un contatore, direttamente dalla home page, informa sullo stato di avanzamento delle donazioni. È dunque molto importante promuovere questo genere di iniziativa e parlarne ai propri amici, parenti, per fare la propria piccola parte in maniera semplice e responsabile. Sarà possibile essere protagonisti di questo tipo di iniziativa fino al 30 giugno 2017, quando, come segno di gratitudine da parte di Arjowiggins Graphic, tutti i partecipanti potranno richiedere in omaggio un block notes realizzato con l’innovativa carta Cyclus.

Aurelie Soly, responsabile dell’area marketing del Sud Europa di Arjowiggins Graphic, ha spiegato: «Dal 2012, attraverso progetti di Csr legati al marchio Cyclus, abbiamo collaborato con diverse onlus per sostenere in tutto il mondo l’istruzione e l’educazione dei bambini in difficoltà e fornire loro gli strumenti per combattere la povertà; la partnership di quest’anno con Bornefonden, partner di ChildFund Alliance, ci consente di fornire un aiuto concreto ai bambini del Mali e di fare la differenza nella costruzione di una vita migliore. La nostra gamma Cyclus è un connubio di principi ecosostenibili ed etici ed è stato quindi naturale per noi supportare i progetti di ChildFund Alliance. Quest’anno abbiamo pensato ad un’iniziativa ancora più coinvolgente e mirata che incoraggiasse i nostri stakeholders a partecipare per rendersi conto di come un oggetto così semplice e comune come una lampada possa rivoluzionare la vita di un bambino».

Legalità: un bookshop nella casa di Peppino Impastato
Il Commercio equo e solidale piace agli italiani

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...