Portale di economia civile e Terzo Settore

Pac: cittadini e associazioni chiedono agricoltura più sostenibile

6

Un esercito di attivisti, composto da 260 mila cittadini e più di 600 tra organizzazioni della società civile e imprese hanno partecipato alla consultazione pubblica, indetta dalla Commissione Europea e conclusasi il 2 maggio. Quello che chiedono i portatori di interesse è un cambiamento radicale della politica agricola dell’Unione europea.

La mobilitazione è stata lanciata da Wwf Europa, BirdLife Europa e European Environmental Bureau tramite la campagna Living Land, e ripresa in Italia da nove associazioni ambientaliste e dell’agricoltura biologica e biodinamica. L’iniziativa italiana ha contribuito alla campagna europea con 33mila firme: Associazione Medici per l’ambiente, Aiab, Associazione agricoltura biodinamica, Fai, Federbio, Legambiente, Lipu, Pronatura e Wwf.

«Il messaggio è chiaro», evidenziano le associazioni. «I cittadini europei vogliono che i loro soldi vengano investiti a favore di un’agricoltura sostenibile e delle comunità rurali, che preservi le risorse naturali e le specie. È una istanza che la Commissione europea dovrà tradurre in una nuova ambiziosa politica che rimetta in salute la biodiversità, gli ambienti naturali e i paesaggi erosi da pratiche intensive e abuso di pesticidi e fertilizzanti».

Il tema è molto caldo soprattutto perché politica agricola comune impegna il 40% del budget dell’Unione europea ed è da sempre un pilastro per la produzione agroalimentare europea. Il problema, però, è che si continua a sostenere la produzione secondo modalità insostenibili, per l’ambiente e per le stesse comunità rurali, come lamentano le associazioni. E questo comporta la perdita di biodiversità in Europa, con la scomparsa di specie come gli uccelli tipici degli ambienti agricoli e le api, del degrado e dell’erosione dei suoli, oltre che del continuo calo di occupati e di imprese attive nel settore.

«La Pac inoltre fallisce nel sostenere l’economia e il lavoro nelle aree rurali», denunciano ancora le associazioni, «tra il 2007 e il 2013, circa il 20% degli impieghi nel settore agricolo sono andati persi, e molti altri piccoli agricoltori sono stati espulsi dal mercato».

I risultati della consultazione pubblica saranno presentati dalla Commissione europea in una conferenza a Bruxelles il prossimo 7 luglio e prima della fine del 2017 è prevista la pubblicazione di una Comunicazione sul futuro della Pac. La nuova Politica agricola comune dovrà essere implementata in tutti gli Stati membri entro il 2021.

Che cos'è una Ong (Organizzazione non governativa)
Mamma e lavoratrice? Si può e si deve. La campagna "Moms don't quit"

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...