Portale di economia civile e Terzo Settore

BFree: la nuova app dedicata al turismo accessibile

15

Non c’è niente di più emozionante e rilassante di un bel viaggio o di una semplice gita fuori porta, alla scoperta di paesaggi e bellezze artistiche del nostro splendido Paese. Ma spesso questa esperienza può trasformarsi in un incubo per chi possiede delle disabilità. Barriere architettoniche che rendono anche solo una semplice passeggiata in un museo un vero e proprio percorso ad ostacoli.

Per cercare di alleggerire la vita e garantire delle vacanze in totale autonomia ai diversamente abili arriva una nuova app dedicata al turismo accessibile. Si chiama BFree – già il nome è tutto un programma – ed è una applicazione che segnala i percorsi per raggiungere agevolmente in carrozzina, elettrica o manuale, i principali luoghi d’arte di Verona, Roma, Siena e Lugano con informazioni sulle strutture e sul loro grado di accessibilità.

L’applicazione è stata sviluppata da Global Accessibility, grazie anche al supporto e ai suggerimenti di Das, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, e della onlus romana Abiliatour. Ed è proprio quest’ultima realtà del Terzo settore che la scorsa estate, a Verona, aveva testato sul campo l’accessibilità delle principali attrazioni turistiche, tracciandone poi una mappa che oggi è riportata sull’app.

L’applicazione, disponibile gratuitamente per dispositivi Android, entro settembre sarà sviluppata in una versione 2.0 che permetterà alle aziende turistiche di proporre itinerari e servizi alternativi, purché accessibili e a misura dei portatori di handicap.

«Siamo scesi in campo», commenta Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di Das, «per verificare direttamente, con alcuni colleghi disabili, l’accessibilità dei principali punti di interesse nel centro storico di Verona. Oggi il frutto di questo lavoro, grazie alla app BFree, è a disposizione di tutti coloro che hanno difficoltà di mobilità, non solo disabili, ma anche mamme con passeggini».

Il sostegno di Das alla onlus Abiliatour è fondamentale per proseguire nel percorso di abbattimento delle barriere architettoniche. Anche nel 2017, per il terzo anno consecutivo, Das devolverà all’associazione 50 centesimi per ogni polizza “Difesa in movimento” venduta, il prodotto che tutela gli assicurati dai rischi legati alla circolazione stradale.

Il Primo Maggio non è un “ponte” ma è la Festa del Lavoro!
Unicef e Ue insieme per la sicurezza di studenti e insegnanti in Ciad

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...