gente do sud

Pubblicato il 22 aprile 2017

“Gente do Sud”: 30 artisti napoletani cantano l’accoglienza

Chi parte da lontano perché è disperato tu lo chiami immigrato, ma io lo chiamo fratello. Restiamo umani”.

Queste alcune parole del brano “Gente do Sud”, il primo singolo nato dal collettivo di artisti napoletani “Terroni uniti” per dire no al razzismo e sì all’accoglienza. Una canzone cantata in dialetto napoletano che punta tutto sul mare e sull’appartenenza a una stessa razza, quella umana.

Dopo la registrazione in studio e la realizzazione del videoclip, realizzato dal regista Luciano Filangieri – l’illustrazione della copertina è invece del fumettista Zerocalcare – il brano è ora approdato su Open Ddb, la prima piattaforma on demand etica che raccoglie film, libri e musica dagli autori indipendenti. La filosofia del sito è quella di creare un modello alternativo alla grande distribuzione mettendo in rete autori da tutta Europa. La maggior parte dei progetti sono infatti rilasciati in licenza Creative commons e disponibili in tre lingue: inglese, francese e italiano. Su questa piattaforma, a partire da oggi (sabato 22 aprile 2017), la canzone potrà essere scaricata o ordinata sul portale di distribuzione, sia nel tradizionale supporto audio Cd che in formato Mp3, attraverso una libera donazione.

In sintonia con la visione antirazzista dell’opera, i proventi della raccolta fondi saranno devoluti adAlarm Phone di Watch The Med”, la piattaforma nata nell’ottobre del 2014 da reti di attivisti e rappresentanti della società civile in Europa e NordAfrica per creare una linea telefonica diretta e autorganizzata per rifugiati in difficoltà nelle acque del Mar Mediterraneo.

La straordinaria collaborazione musicale coinvolge trenta tra i più grandi artisti che hanno fatto la storia della musica napoletana: Massimo Jovine (99 Posse), Ciccio Merolla, Enzo Gragnaniello, James Senese, O’ Zulu’ (99 Posse), Eugenio Bennato, Speaker Cenzou, Valentina Stella, Daniele Sepe, Franco Ricciardi, Dario Sansone (Foja), Valerio Jovine, M’Barka Ben Taleb, Pepp-Oh, Francesco Di Bella, Simona Boo, Tommaso Primo, Andrea Tartaglia, Tueff, Gnut, Nto’, Roberto Colella (La Maschera), Dope One, Gianni Simioli, Carmine D’Aniello (‘O Rom), Oyoshe, Djarah Akan, Joe Petrosino, Massimo De Vita, Giuseppe Spinelli, Alessandro Aspide (Jovine), Sacha Ricci (99 Posse).

Daddy’s Pride, la marcia dei padri a cui vanno riconosciuti più diritti
Giornata della Terra, conoscerla per salvarla

Tags: , , , , , , , , ,

Info

Redazione

Felicità Pubblica è un portale che si occupa di economia civile a 360 gradi e che consente di essere sempre aggiornati, approfondire una serie di tematiche di settore e cogliere le migliori opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...