Portale di economia civile e Terzo Settore

Ritorno al passato: dagli Opg alle Rems, dalle Rems ai manicomi giudiziari. Ovvero l’ennesima beffa

11

di Francesco Lo Piccolo.

C’è poco da dire, il manicomio continua a piacere a tanti (governanti compresi).  E ancora di più a troppi piacciono ancora i vecchi Opg, ospedali psichiatrici giudiziari, veri  lager come era stato rivelato nel 2011 dalla Commissione parlamentare d’inchiesta  al termine delle ispezioni negli ospedali psichiatrici giudiziari d’Italia e nei quali erano richiuse in condizioni disumane  1300 persone. Allora il presidente Napolitano aveva parlato di situazione “inconcepibile in qualsiasi paese appena civile”. Naturalmente si erano mossi giornali, Tv e i politici. Era stata fatta anche la legge per la loro chiusura immediata. Ed era stata approvata la realizzazione delle cosiddette Rems.

Ma ancora una volta fatta la legge trovato l’inganno. Il ddl giustizia, in discussione al Senato in queste ore, e su cui il ministro Orlando sembra intenzionato a porre la fiducia, prevede che alle Rems (una trentina distribuite in tutta Italia) possano essere destinati i detenuti per i quali l’infermità di mente sia sopravvenuta durante l’esecuzione della pena, e poi anche gli imputati sottoposti a misure di sicurezza provvisorie e infine tutti coloro per i quali occorra accertare le relative condizioni psichiche, qualora le sezioni degli istituti penitenziari non siano idonee a garantire i trattamenti terapeutico-riabilitativi.

Di fatto ecco che torna la stessa logica degli Opg (appena chiusi dopo anni e anni di tira e molla). Unica differenza: gli ambienti saranno più piccoli. Ma a parte questa differenza, ecco che le  Rems rischiano di diventare dei  nuovi Opg, manicomi giudiziari a tutti gli effetti. E  in parte già lo sono: già ora infatti, come denuncia “Stop Opg”  si stanno riempiendo di persone che lì non dovrebbero stare. Perché di nuovo, ora come un tempo, i giudici tendono a utilizzare le Rems  – che sono per legge deputate al recupero terapeutico –  come strutture parcheggio di persone indagate sottoposte  a misure di detenzione provvisoria e la cui infermità mentale non è stata ancora accertata. E’ lo stesso ex commissario per la chiusura degli Opg Franco Corleone che  nella sua relazione conferma: “ Ci sono 200 persone che su ordinanza della magistratura aspettano di entrare nelle residenze senza possederne i requisiti”.

Insomma un gran passo indietro, o meglio una beffa in  barba alla legge 81 sulla chiusura degli Opg (e sul superamento della loro logica) secondo la quale per la cura e la riabilitazione delle persone, dovevano essere realizzati progetti individuali con misure non detentive ispirate esplicitamente dalla  180 (Riforma Basaglia).

Per questo – anche ricordando che all’articolo 32 della Costituzione italiana “…La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana” – proprio ieri ho firmato la petizione su Change.org:  “Nessun ritorno agli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Approvate l’emendamento sulle REMS!

Per questo mi sono rivisto “Lo stato della Follia” (clicca qui) e sono  andato a riprendere dalla mia libreria i libri di Franco Basaglia e, a caso, da pagina 114 de L’istituzione negata (B.C. Dalai editore)  copio qui: «Negli ospedali psichiatrici è d’uso ammassare i pazienti in grandi sale, da dove nessuno può uscire, nemmeno per andare al gabinetto. In caso di necessità l’infermiere sorvegliante interno suona il campanello, perché un secondo infermiere venga a prendere il paziente e lo accompagni. La cerimonia è così lunga che molti pazienti si riducono a fare i loro bisogni sul posto. Questa risposta del paziente ad una regola disumana, viene interpretata come un «dispetto» nei confronti del personale curante, o come espressione del livello di incontinenza del malato, strettamente dipendente dalla malattia».

 …perché a questi orrori non si deve tornare.

La tirannia di Orbán in Ungheria e il silenzio dell'Europa
La 194, il caso San Camillo di Roma, i diritti delle donne

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...