Portale di economia civile e Terzo Settore

Legambiente e gli studenti italiani chiedono scuole più sicure

16

Scuole più sicure e vivibili. E’ quanto chiedono studenti e genitori italiani alle prese con edifici spesso non a norma o semplicemente trascurati dal punto di vista delle manutenzioni. Ed è quanto chiede Legambiente che, proponendo anche quest’anno la manifestazione Nontiscordadimé – Operazione scuole pulite, ha deciso di dedicare la due giorni dedicata al volontariato e alla cittadinanza attiva proprio alle comunità scolastiche delle zone del Centro Italia colpite nei mesi scorsi dallo sciame sismico.

E’ davanti a simili tragedie che ci ricordiamo quanto sia importante avere aule solide e sicure, ma troppo spesso quando ce ne rendiamo conto è già troppo tardi e tante giovanissime vite sono state spezzate.

L’appello lanciato dall’associazione ambientalista e dagli studenti alle istituzioni è orientato proprio in questa direzione: puntiamo ad avere scuole sicure per poter guardare a un futuro sicuro.

«La sicurezza degli edifici scolastici è un investimento di prioritaria importanza per il Paese che non ha bisogno di molte parole, senza scuola non può esserci futuro», commenta Legambiente. «Un dato di fatto drammaticamente confermato dal terremoto in centro Italia, scuole sicure e accoglienti sono un riferimento essenziale per la vita delle comunità per continuare a vivere e immaginare il domani».

La storica campagna di volontariato dedicata a piccoli interventi di restyling nelle aule e nei cortili delle scuole per migliorarne la vivibilità è in programma i prossimi 17 e 18 marzo. Da tutte le scuole che parteciperanno all’iniziativa, ogni anno più di 5000 classi, partirà l’appello diretto alle istituzioni. La campagna potrà essere raccontata dalle singole classi sui social network con gli hashtag #nontiscordardime17 e #scuolesicuresicurofuturo.

Per maggiori informazioni su come partecipare all’evento clicca qui.

I luoghi del cuore 2017, scopriamoli insieme
Dammi il cinque: come insegnare a mangiare la verdura ai bambini

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...