Portale di economia civile e Terzo Settore

Ocse: Italia Paese di “investimento non sostenibile”

8

L’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) è un organismo  fondato  nel 1948 nell’ambito del Piano Mashall ed era all’epoca completamente europeo, con sede a Parigi. Successivamente, nel 1960, si giunse a una nuova convenzione con l’adesione di diversi Paesi, tra cui Canada, Usa e Giappone.

Attualmente annovera tra le sue file 34 nazioni e si occupa di studi economici per i Paesi membri che hanno in comune un sistema di governo di tipo democratico e un’economia di mercato (la Cina, ad esempio, non ne fa parte).

Il lavoro svolto principalmente è quello di assemblea consultiva per la risoluzione dei problemi comuni, l’identificazione di pratiche e prassi commerciali e il coordinamento di politiche locali e internazionali. Si affida quindi a diversi studi di rilevamento per gli investimenti e in particolare ogni 6 mesi pubblica una classifica – stilata da Degroof Petercam Asset Management – che stabilisce la  sostenibilità degli investimenti nei Paesi membri utilizzando diversi parametri.

Non sorprende, purtroppo, che l’Italia dal 2007 sia man mano scesa in classifica e si trovi attualmente ventottesima, dopo Paesi come la Spagna, il Portogallo e la Polonia, solo per citarne alcuni. L’Italia viene quindi considerata come “investimento non sostenibile” il che  costituisce quindi un deterrente per gli investitori istituzionali e non.

I parametri considerati per la valutazione sono principalmente i seguenti:

  1. a) Trasparenza e valori democratici;
  2. b) Ambiente;
  3. c) Istruzione;
  4. d) Popolazione,sistema sanitario e distribuzione della ricchezza;
  5. e) Economia.

Ecco quindi che si può ben comprendere il posto dell’Italia in questa classifica: considerando l’incidenza della corruzione e la scarsa solidità delle nostre istituzioni, l’altissimo tasso di disoccupazione giovanile, i pochi investimenti in tema ambientale e per le energie rinnovabili, la bassa qualità del nostro sistema scuola, la più che scarsa distribuzione della ricchezza e la forte dipendenza dal mondo degli anziani e dalle loro pensioni, non ci sono grandi possibilità.

Esistono certamente margini di miglioramento, prendendo esempio dai Paesi scandinavi che si sono impossessati del podio di questa classifica: il primo posto è della Norvegia, il secondo della Svezia e il terzo della Danimarca, che pongono grande attenzione agli investimenti in tema ecologico e alla qualità della vita dei loro abitanti.

Tante le strade da percorrere, basta armarsi di piedi buoni, volontà e costanza.

Istituita per il 21 marzo la Giornata delle vittime di mafia, «portiamo avanti il loro sogno di democrazia»
La lingua ascoltata nel ventre della madre non si dimentica, lo studio olandese

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...