Portale di economia civile e Terzo Settore

Un teatro per Amatrice

18

L’approfondimento di questa settimana intende dar spazio alla campagna di crowdfunding promossa sulla piattaforma eppela per ricostruire il Cinema Teatro “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice, punto di riferimento per la cultura e la comunità.

Oltre alle tante abitazioni private, il sisma del 24 agosto ha distrutto anche i luoghi pubblici dove si svolgeva la vita della comunità di Amatrice: tra questi, lo storico Cinema-Teatro “Giuseppe Garibaldi”.

Approfittiamo dell’approfondimento per raccontare un po’ di storia del teatro. L’attuale Cinema Teatro “Giuseppe Garibaldi” sorge sui locali completamente trasformati della Chiesa e del Convento di San Domenico, costruiti intorno al 1580 sul sito dove sorgevano l’Oratorio e l’Ospedale di Santo Spirito. La chiesa in origine aveva cinque altari: il Maggiore, quello di San Vincenzo, del Rosario, di Santa Caterina e di San Domenico. Nel 1810 il Convento e la Chiesa vennero soppressi e adibiti prima a Caserma della Brigata di Gendarmeria e poi ad alloggi per le truppe di stanza o di passaggio, fino a essere completamente abbandonati. Tra il 1930 e il 1940 l’edificio fu completamente ristrutturato per essere adibito a locali dell’Opera Nazionale Dopolavoro, in seguito fu sede dell’ENAL per poi trovare l’odierna destinazione di sala Cinema Teatro.

Nella fase di ricostruzione, la sfida della campagna è di riportare alla luce il borgo dove e come era, con gli edifici e le relazioni sociali che lo rendevano vivo. La musica e lo spettacolo possono dare un contributo importante, aiutando a mantenere aperto lo sguardo ad una bellezza e ad una speranza che superano anche la devastazione del terremoto.

I fondi raccolti sono messi a disposizione del Comune di Amatrice e delle autorità competenti per la ricostruzione del Cinema Teatro secondo un progetto che coniughi la funzionalità e l’accoglienza al rispetto più rigoroso dei criteri antisismici e della natura storica dell’edificio.

Un Teatro per Amatrice è promosso da Associazione I-Jazz MIDJ – Musicisti Italiani di Jazz, realtà di riferimento a livello nazionale per il mondo del jazz italiano e promotori di Il Jazz Italiano per L’Aquila, la grande maratona musicale a sostegno della ricostruzione che, in solidarietà alle vittime del sisma del 24 agosto, diventa Il Jazz Italiano per Amatrice.

L’Associazione I-Jazz  persegue l’obiettivo della diffusione di progetti collegati al jazz, dalle rassegne e festival che si svolgono nel periodo invernale e nei teatri, ai circuiti che uniscono varie città e teatri su base regionale o provinciale, ai festival estivi con sede in luoghi suggestivi e prestigiosi; questa iniziativa prende avvio dalla necessità di costituire un punto di riferimento per attività che in questi anni hanno registrato una sensibile espansione ­– sia per le potenzialità della creatività artistica sia per l’attenzione del pubblico – ma che hanno necessità di esprimere progetti di maggiore visibilità nazionale coinvolgendo musicisti e operatori, contribuendo all’impegno per una riforma della musica veramente aperta a tutti i contenuti di qualità.

L’Associazione MIDJ – Musicisti Italiani di Jazz persegue i seguenti obiettivi:

  • ­Il riconoscimento del valore artistico, culturale e professionale dei musicisti italiani di jazz, in Italia e all’estero;
  • ­Il perseguimento di più favorevoli normative fiscali e previdenziali per le attività artistiche e per lo spettacolo;
  • ­L’ottenimento di maggiori spazi mediatici per la musica jazz;
  • ­La promozione della pratica musicale improvvisativa, a partire dalla scuola primaria;
  • ­Il riconoscimento del diritto di improvvisazione presso la SIAE ed il Nuovo IMAIE;
  • ­La rivendicazione del sostegno all’attività internazionale per i musicisti del settore;
  • ­L’incentivazione delle residenze d’artista, finalizzate alla creazione di progetti originali;
  • ­Lo sviluppo della ricerca musicale, attraverso l’istituzione di centri di ricerca stabili;
  • ­L’organizzazione di attività concertistiche e didattiche;
  • ­La promozione di orchestre di nuovi talenti;
  • Il perseguimento di finalità di solidarietà sociale e beneficenza ovvero lo svolgimento di attività dirette ad arrecare benefici a musicisti jazz svantaggiati in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali e familiari.

Gli eventi per raccogliere fondi e le regole del fundraising
PacartLab3d: innovazione e cooperazione per gli studenti di Crema

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...