Portale di economia civile e Terzo Settore

Domani torna la Giornata di Raccolta del Farmaco

9

Donare farmaci da banco agli enti caritativi della propria città che quotidianamente assistono centinaia di migliaia di persone bisognose che non possono permettersi cure. È l’ammirevole scopo della 17° edizione della GRF – Giornata di Raccolta del Farmaco, che si terrà domani 11 febbraio in oltre 1.300 farmacie aderenti in ogni parte d’Italia.

L’iniziativa solidale, promossa dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus in collaborazione con Federfarma, la Federazione nazionale dei titolari di farmacia, che in sedici anni ha raccolto oltre 4.100.000 farmaci, per un controvalore commerciale di circa 24 milioni di euro.

Nelle farmacie, che espongono la locandina dell’iniziativa, sarà possibile dunque acquistare uno o più medicinali, senza obbligo di ricetta medica, come antinfluenzali, antinfiammatori e antipiretici, che saranno direttamente devoluti agli indigenti tramite i volontari di Banco farmaceutico oppure attraverso gli enti caritativi che ne hanno fatto richiesta.

Nel nostro Paese, secondo i dati dell’Osservatorio donazione farmaci di Banco Farmaceutico (leggi l’articolo), è aumentata la povertà sanitaria, ossia il numero delle persone che non possono permettersi di comprare i farmaci da banco necessari, come antinfiammatori, antipiretici, prodotti contro tosse o raffreddore e quindi rinunciare alle cure.

Proprio in virtù di ciò, l’obiettivo principale del Banco farmaceutico è quello di rispondere concretamente al bisogno farmaceutico delle persone indigenti attraverso la collaborazione con le realtà assistenziali che già operano contro la povertà sanitaria testimoniando un cammino di educazione alla condivisione e gratuità.

La passata edizione ha coinvolto ben 3.681 farmacie e più di 14 mila volontari; dei 353.806 farmaci raccolti hanno beneficiato oltre 400 mila persone assistite dai 1.663 Enti convenzionati con Banco Farmaceutico.

 

Save the Children: bambini europei ancora troppo esposti a povertà educativa
Accordo Italia-Libia: i trafficanti ora hanno fretta

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...