Portale di economia civile e Terzo Settore

Il crowdfunding in Italia: il report di Starteed

164

Quali sono i numeri del crowdfunding in Italia? Quanti soldi sono stati finora raccolti dalle principali piattaforme di raccolta dal basso? E quanti i progetti finanziati?

A rispondere a queste domande ci ha pensato Starteed, una crowd-company che sviluppa soluzioni nel mercato del crowdfunding.

Di seguito vi proponiamo i risultati dello studio così come riportati sul sito della società.

Arrivati a fine anno, tempo di bilanci anche per il crowdfunding, in Starteed abbiamo ripreso il lavoro fatto a Maggio 2016 con una prima analisi dei numeri di mercato e abbiamo esteso il conteggio a tutto il 2016, cercando di misurare in modo oggettivo lo stato di salute del settore sul territorio nazionale.

Per farlo, come sempre, abbiamo conteggiato manualmente ogni singolo progetto sulle piattaforme, chiedendo dove possibile un riscontro ai titolari per verificarne il risultato. Lo abbiamo dovuto fare perché molto spesso le piattaforme non pubblicano (come dovrebbero) i dati di raccolta sul loro portale e anche quando interpellati in questionari o interviste i valori dichiarati sono spesso differenti da quelli riscontrati con un conteggio diretto.

Il risultato ottenuto è quindi una fotografia puntuale sul valore di raccolta complessivo (ovvero dalla nascita delle piattaforme) suddiviso per modalità e per singola piattaforma, tutto aggiornato tra fine dicembre 2016 e i primi giorni di gennaio 2017.

Per farlo sono state considerate solamente le campagne con esito positivo, dove è avvenuta realmente una transazione economica, escludendo quindi quelle non andate a buon fine.

I RISULTATI

Reward e Donation

Bandbackers > € 16.780,00 (9 progetti)
BeCrowdy > € 317.420,00 (65 progetti)
Buonacausa > € 2.788.445,84 (1390 progetti)
Crowdarts > € 16.142,00 (13 progetti)
Crowdfunding Südtirol > € 27.103,00 (3 progetti)
Derev > € 1.806.427,00 (140 progetti)
Eppela > € 4.656.016,00 (556 progetti)
Eticarim > € 311.221,00 (67 progetti)
Fidalo > € 40.130,00 (10 progetti)
Funditaly > € 2.853,00 (16 progetti)
Giffoni Crowdfunding > € 20.447,00 (11 progetti)
Gigfarm > € 5.790,00 (8 progetti)
Idea Ginger > € 472.060,00 (61 progetti)
Innamorati della Cultura > € 97.823,50 (19 progetti)
Insieme doniamo > € 46.889,00 (3 progetti)
Kendoo > € 275.975,00 (42 progetti)
Laboriusa > € 29.768,74 (14 progetti)
Letsdonation > € 1.706,57 (50 progetti)
Mecenup > € 13.180,00 (7 progetti)
Meridonare > € 940.416,26 (92 progetti)
Musicraiser > € 3.513.000,00 (870 progetti)
Planbee > € 160.763,00 (11 progetti)
Produzioni dal Basso > € 3.550.405,00 (1578 progetti)
Progetto Civibanca > € 22.974,00(87 progetti)
Proposizione > € 4.803,00 (4 progetti)
Replace > € 31.758,00 (5 progetti)
Rete del Dono > € 3.660.230,00(2780 progetti)
Schoolraising > € 64.107,00 (35 progetti)
Shinynote > € 121.183,00 (63 progetti)
SportSenzaFrontiere > € 23.360,00 (40 progetti)
Sportsupporter > € 2.830,00 (18 progetti)
TIM WithYouWeDo > € 1.350.076,00 (61 progetti)
Triboom > € 40.489,00 (5 progetti)
Universitiamo > € 309.552,00 (11 progetti)
WeTestWater > € 6.295,00 (192 progetti)
WOOP food > € 6.260,00 (2 progetti)

Totale Donation Reward = € 24.754.678,91

Do it Yourself

Bitedoglymphoma > € 10.618,86
Breathetruffle > € 17.185,00 (45 sostenitori)
Festival Internazionale del Giornalismo > € 115.420,00
Fior Italy > € 162.365,00
Insieme per il fila > € 228.000,00 (2.000 sostenitori)
Iosostengosanpetronio > € 199.478,00
Mag Verona > € 18.160,00 (159 sostenitori)
Non si sbudelli l’Italia > € 13.578,36 (397 sostenitori)
Orchestra Mozart Risuona > € 91.000,00 (1.000 sostenitori)
Palazzo Madama Torino > € 96.103,90 (1.590 sostenitori)
Pandora TV > € 55.031,00 (994 sostenitori)
Radio105 Caritas > € 18.019,00 (694 sostenitori)
Rinascitacastelluccio > € 106.270,00 (78 sostenitori)
Slow Food 100 orti > € 84.020,00 (160 sostenitori)
Slow Food WeFeedThePlanet > € 303.880,00
Un passo per San Luca > € 339.743,00 (7.111 sostenitori)
Unaiutosubito > € 1.451.745,00 (18.800 sostenitori)
Valigia Blu > € 17.546,00 (586 sostenitori)

Totale DIY = € 3.328.163,12

Equity

Assiteca Crowd > € 928.000,00 (2 progetti)
Crowdfundme > € 535.040,00 (4 progetti)
Equinvest > € 792.586,00 (3 progetti)
Investi-re > € 116.829,00 (1 progetto)
Mamacrowd > € 207.930,00 (1 progetto)
Muum Lab > € 50.000,00 (1 progetto)
Next Equity > € 1.452.802,60 (2 progetti)
Opstart > € 392.100,00 (3 progetti)
Starsup > € 2.056.238,00 (7 progetti)
TipVentures > € 738.400,00 (4 progetti)
Unicaseed > € 157.780,00 (1 progetto)
WeAreStarting > € 131.500,00 (2 progetti)

Totale Equity = € 7.559.205,60

Lending

Borsa del Credito > € 7.015.843,00 (248 progetti)
Prestiamoci > € 4.213.000,00 (737 progetti)
Smartika > € 25.365.280,00 (4933 progetti)
Terzo valore > € 19.554.739,00 (90 progetti)

Totale Lending = € 56.148.862,00

Totale Crowdfunding Italia (al 2016)
€ 91.790.909,63

(dati aggiornati a dicembre 2016/gennaio 2017)

L’ANALISI

Questo ultimo semestre del 2016 ha visto una buona crescita dell’intero settore che in soli 7 mesi ha segnato un +35%, con una particolare accelerazione dell’equity crowdfunding e di iniziative, tipicamente in forma di donazioni, realizzate in modalità “Do it Yourself”.

Se consideriamo invece gli anni precedenti notiamo un costante trend di crescita complessivo, con un promettente +62% tra il valore di raccolta del 2015 e quello appena registrato nel 2016.
Sebbene ancora relativamente modesto in termini di volume raccolto il mercato del crowdfunding italiano continua a dimostrare una certa vivacità.

Dall’analisi possiamo inoltre notare come il numero di operatori sul mercato sia inversamente proporzionale al volume di raccolta. Tra le cause sicuramente la facilità di accesso alla creazione di piattaforme non regolamentate come nel caso del Donation/Reward e anche le caratteristiche stesse dei vari modelli, che vedono il Lending in grado di generare volumi di raccolta considerevolmente più alti rispetto ad altri modelli non finanziari.

Per quanto riguarda il valore medio per singolo progetto possiamo notare che i progetti in Equity Crowdfunding sono quelli più importanti in termini di raccolta, con una raccolta media per campagna di circa 243.000 €. Sulle piattaforme Donation/Reward, l’importo di raccolta medio per progetto si assesta intorno ai 4.000 €, poco inferiore alla media su altre piattaforme internazionali.

LE CONSIDERAZIONI

Non si è ancora visto un vero e proprio consolidamento del mercato come auspicato nel 2016, ma credo sarà fisiologico in questo 2017 vedere molte delle piattaforme di Donation/Reward e di Equity, che oggi ospitano pochi progetti e non riescono a trovare un modello sostenibile, chiudere i battenti o unirsi con altri operatori.

Ci troviamo infatti in quel momento successivo al picco delle aspettative, che ha visto il crowdfunding spesso sotto i riflettori più per le sue capacità teoriche che per i risultati realmente raggiunti, in cui la disillusione nei confronti dello strumento creerà le giuste basi per una consapevolezza diffusa e porterà ad un giusto utilizzo da parte di operatori, progettisti e sostenitori.

Il modello hype cycle per il crowdfunding in Italia

Il 2017 sarà anche e soprattutto l’anno dell’Equity Crowdfunding, che anche grazie alle misure contenute nella legge di bilancio 2017, approvata definitivamente al Senato lo scorso 7 Dicembre, godrà di un nuovo potenziale slancio che gli imprenditori e gli operatori dovranno saper cogliere senza indugi e con un po’ di coraggio.

I vantaggi per le imprese che ricercano capitali sono importanti. La legge infatti prevede l’estensione dell’equity crowdfunding a tutte le PMI (ad oggi era limitata solo alle Startup e alle PMI innovative), incentiva i Fondi pensione ad investire in equity in società di capitali e darà la possibilità all’INAIL di investire in startup innovative.

Ma i vantaggi non sono solo per le imprese. Gli investitori infatti godranno di una detrazione fiscale del 30% sugli investimenti (solo per investimenti in Startup e PMI innovative) e i Piani Individuali di Risparmio vedranno una detassazione del capital gain.

Un altro trend che sembra emergere è quello delle soluzioni custom per il Do it Yourself. Si stanno infatti affacciando sempre di più a questo mercato soggetti istituzionali, grandi aziende, brand e community consolidate che cercano più flessibilità e controllo nel creare una o più campagne di raccolta fondi.

Questo tipo di soluzioni, se da una parte non beneficiano della visibilità offerta dalle piattaforme tradizionali, permettono di creare direttamente sul proprio sito una campagna totalmente personalizzata nell’aspetto grafico, spesso senza commissioni sulle transazioni (utile in caso di campagne con raccolte particolarmente importanti), con un pieno controllo sui dati dei sostenitori e una maggiore libertà sulle modalità di raccolta.

Sebbene quest’ultimo commento possa sembrare di parte (con Starteed sviluppiamo, oltre alle piattaforme per gli operatori, questo tipo di soluzioni) sono fermamente convito che sarà uno dei trend più importanti nei prossimi anni, senza andare a discapito delle piattaforme tradizionali ma con una interessante evoluzione che vedrà l’ingresso di nuovi soggetti che non si riconoscono nelle modalità tipiche conosciute fino ad ora.

PacartLab3d: innovazione e cooperazione per gli studenti di Crema
Il volontariato, un'immensa ricchezza
2 Comments
  1. Leandro says

    Ottimo Report. Bravissimi.
    Vi chiedo una cortesia. Siete in grado di fornirmi informazioni riguardo a questa piattaforma (se così può definirsi) o iniziativa ed il suo grado di affidabilità, oltre un parere legale riguardo all’attività da loro svolta: https://www.crowdfundinginternational.eu/. Mi sembra interessante ma vorrei approfondirne la conoscenza.
    Grazie.

    Leandro Ungaro

    1. Antonella Luccitti says

      Gentile signor Ungaro, innanzitutto la ringraziamo per l’interesse dimostrato nei confronti del nostro portale. Noi siamo una testata giornalistica e in questo caso ci siamo “limitati” a riportare uno studio promosso e realizzato da Starteed. Non siamo quindi in grado di stabilire e valutare il grado di affidabilità della piattaforma da lei segnalata, tantomeno da un punto di vista legale. La invitiamo quindi a provare a contattare proprio Starteed che probabilmente sarà in grado di fornirle quanto richiesto.
      Buona giornata e continui a seguirci.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...