Portale di economia civile e Terzo Settore

‘We can. I can’ è lo slogan della Giornata mondiale contro il cancro

19

‘We can. I can’, ossia ‘Noi possiamo. Io posso’, è lo slogan che caratterizza l’edizione di quest’anno della Giornata mondiale contro il cancro che si celebrerà il prossimo 4 febbraio.

La Giornata mondiale contro il cancro è promossa dall’UICC – Unione Internazionale Contro il Cancro, organizzazione non governativa che rappresenta associazioni impegnate contro la malattia in oltre cento Paesi, e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il tema della Giornata mette in evidenza l’esigenza di combattere il cancro con la prevenzione. Quest’ultima, compito istituzionale principale della LILT – Lega italiana per la lotta contro i tumori, infatti, resta lo strumento più efficace per combattere i tumori, per vivere bene e più a lungo. Nello specifico, si tratta di un insieme di semplici regole quotidiane come: smettere di fumare, ridurre il consumo di alcool, seguire una sana alimentazione, svolgere attività fisica, ed evitare la troppa esposizione al sole.

Come ha sottolineato la LILT: «Lo slogan indica l’opportunità che tutti hanno di prendere parte alla battaglia contro il cancro. Anche una singola persona può infatti fare la differenza, perché è solo attraverso una compatta mobilitazione civile che si può vincere quello che un tempo era chiamato ‘male incurabile’».

Attualmente il cancro è sempre di più una malattia cronica con cui si convive e dalla quale si può guarire, al punto che il tasso di guaribilità è passato dal 40% del 2000 al 61% attuale.

Il nostro Paese, secondo stime recenti, si posiziona ai primi posti, con il 32%, per tassi di sopravvivenza a 5 anni in Europa, ponendosi prima di Francia, con il 27%, Germania, con il 31%, Spagna, con il 27% e Gran Bretagna, con il 18%. Inoltre, aumentano sempre di più gli italiani che sopravvivono al cancro: da 2 milioni e 244 mila nel 2006 a più di tre milioni nel 2016.

Infine, grazie ai progressi fatti dalla scienza, attualmente le diagnosi sono sempre più precoci e con metodiche ultramoderne come ad esempio la biopsia liquida che permette di individuare vari tumori da una semplice analisi del sangue.

 

Alessio d'Aniello (Progetto 5): "Vi racconto le nostre attività e i sogni nel cassetto"
L’allarme dell’AIDAA: nel 2016 oltre 23.500 cani sono stati avvelenati

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...