Portale di economia civile e Terzo Settore

Un terzo delle famiglie italiane non ha ancora accesso a Internet

16

Nel nostro Paese circa un terzo delle famiglie non ha ancora accesso a Internet da casa. A rilevarlo sono i dati contenuti nel rapporto “Cittadini, imprese e Ict anno 2016” realizzato dall’Istat.

Nel dettaglio, rispetto all’anno scorso è salita dal 66,2% al 69,2% la quota di famiglie che dispone di un accesso a Internet da casa. Di conseguenza le famiglie con una connessione a banda larga passano dal 64,4% al 67,4%. La Calabria e la Sicilia rappresentano le regioni con il più basso tasso di diffusione della banda larga tra le famiglie.

Dal rapporto si legge che l’Italia è in fondo alla classifica europea per la diffusione della banda larga. Possiamo notare infatti che si posiziona al diciannovesimo posto con un valore pari al 77%, con una distanza di 6 punti percentuali rispetto alla media europea di 83%. Cresce la quota di persone che si sono connesse in rete nell’arco di dodici mesi.

Per quanto concerne poi l’uso del web: è più frequente tra i 15-24enni, oltre 91%, ma si rileva un forte recupero in quest’ultimo anno da parte di persone di 60-64 anni, da 45,9% a 52,2%, soprattutto tra le donne di questa fascia di età, con una crescita di 8,7 punti percentuali. Nel complesso, le differenze tra uomini e donne rimangono forti, ma diminuiscono nel tempo. Possiamo notare, infatti, che il divario a favore degli uomini era di 11 punti percentuali nel 2010, di 9,2 nel 2015 e di 8,6 nel 2016. Queste difformità si evidenziano in particolare dopo i 44 anni, mentre si annullano tra i più giovani (11-17 anni).

"Volentieri volontari per il quartiere", la felice realtà di Pesaro
Lotta alle discriminazioni: firmato protocollo d'intesa tra Anci e Aics

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...