Portale di economia civile e Terzo Settore

Un weekend all’insegna dello sport e dell’integrazione con la Nazionale Calcio Amputati

2

Il prossimo fine settimana 17 e 18 dicembre, la Nazionale Calcio Amputati CSI scenderà in campo ad allenarsi, come ormai da tradizione natalizia, a Corlo e Castelvetro di Modena in provincia di Modena.

La Nazionale Calcio Amputati CSI rappresenta un sogno diventato realtà l’8 dicembre del 2012, giorno del suo primo debutto. La squadra nasce dalla volontà di un giovane reggiano, Francesco Messori, nato senza una gamba che si è attivato attraverso i social network per reperire altri che come lui, malgrado questo tipo di disabilità, non volevano rinunciare al gioco del calcio. Così ha reclutato, con il sostegno del CSI, un gruppo di circa 20 giocatori che, per un incidente o problemi congeniti, sono privi di un arto inferiore. Il 27 aprile 2013 avviene il grande esordio ufficiale in campo internazionale ad Annecy contro la Francia.

Come ha sottolineato il presidente nazionale del CSI – Centro Sportivo Italiano Vittorio Bosio: «Questa squadra rappresenta un fiore all’occhiello per la nostra associazione, quanto a inclusione, integrazione e appartenenza. Ai ragazzi, ai tecnici e a tutti gli atleti con disabilità va il nostro aiuto e sostegno, augurandoci sempre nuovi innesti in questa squadra».

Il primo incontro dunque si terrà sabato 17 dicembre alle 16.00 presso il Campo Corlo Arena di via Battezzate 72, a Corlo di Formigine dove è in programma il primo allenamento del collegiale che servirà ai tecnici azzurri, i due emiliani Renzo Vergnani e Paolo Zarzana per testare il momento di forma dei ragazzi in vista dei prossimi appuntamenti ufficiali.

Il secondo appuntamento poi si svolgerà domenica 18 dicembre alle 10.00 presso il Campo Sintetico Venturelli, a Castelvetro di Modena. Per l’avvenimento ci sarà anche la presenza di Marco Ballotta, ex portiere del Modena e della SS Lazio e attualmente allenatore del Castelvetro.

 

Genova: prodotti realizzati dai detenuti in vendita al Gazebo Freedhome
Giovani e Terzo settore: in molti vorrebbero lavorare nel non profit

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Loading Facebook Comments ...